• logo ten
    Magazine DIY
    per gli operatori
  • logo bricoliamo
    Magazine DIY
    per la famiglia
  • logo saga
  • it

In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email

Iscrizione Newsletter

Ten Newsletter

Dichiaro di essere al corrente sui termini della privacy policy

Ten: DIY and Garden

icona distribuzione Logistica: Leroy Merlin risolve il rapporto con Premium Net


Leroy Merlin
Leroy Merlin a Barcellona

Di seguito la nota rilasciata da USB – Unione Sindacale di Base – sulla vicenda che visto protagonista l’insegna Leroy Merlin e il polo logistico di Castel San Giovanni (PC).

“La lotta generosa e determinata dei facchini di USB del magazzino Leroy Merlin di Castel San Giovanni ha finalmente prodotto il risultato positivo della cacciata della catena di appaltatori e subappaltatori, composta da Premium Net e Ceva Logistics Italia.

Un insieme di soggetti divenuto ormai impresentabile per le attività di evasione fiscale e contributiva (con una sottrazione di risorse economiche pari a complessivi 38 milioni di €) e per la tolleranza delle pratiche di caporalato, di aggressione fisica e di negazione del diritto a scegliere liberamente l’organizzazione sindacale di riferimento”.

L’arresto dei dirigenti del consorzio Premium Net che gestiva i servizi logistici ha dato ragione ai lavoratori e a USB che da tempo denunciavano e si battevano contro queste illegalità nella più assoluta solitudine, confortati unicamente dall’aiuto dell’autorità di governo locale.

La sostituzione del consorzio Premium Net con Ucsa Spa, dovuta anche all’intervento diretto del committente, è un passo importante, ma non esaustivo del processo di cambiamento e ripristino della legalità nel magazzino. Occorre rimuovere tutto ciò che rappresenta un elemento di continuità col passato, occorre dare certezza del diritto ai lavoratori e deve essere assolutamente accorciata la filiera di appalti e subappalti.

In questo senso USB richiede che col cambio appalto, nel garantire la salvaguardia del posto di lavoro a tutti e nella stabilizzazione dei lavoratori precari, si proceda senza indugi all’internalizzazione di tutte maestranze.

USB incontrerà nei prossimi giorni i rappresentanti del nuovo consorzio per presentare le proprie proposte che oltre la questione occupazionale riguardano pure la progressione dei livelli professionali e l’erogazione del buono pasto.

USB rimane vigile e pronta a riprendere la lotta qualora fosse necessario far rispettare dignità, legalità e diritti delle lavoratrici e dei lavoratori”.

La nota stampa è stata rilasciata subito dopo l’incontro, presieduto dal Prefetto Maurizio Falco, tra le parti e necessario per fare il punto della situazione sulla questione lavorativa presso lo stabilimento.