In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email

Ten: DIY and Garden

icona tendenze Macchine per il giardino, 1° semestre in recupero


Dopo un inizio d’anno molto difficile, il secondo trimestre recupera alla grande con un +15,8%, riportando il comparto della macchine per il giardinaggio in segno positivo, con un +1,4%. Questi i dati rilasciati da Comagarden/Morgan, le cui previsioni per la seconda metà dell’anno restano positive, con la prospettiva di raggiungere un numero finale di pezzi venduti, fra macchine ed attrezzi, intorno ad 1 milione 258 mila unità, con un consuntivo 2018 di poco inferiore all’1%.

I risultati positivi sono stati raggiunti, grazie all’andamento di rasaerba (+0,2%) e tagliasiepi (+0,7%), ma soprattutto di decespugliatori (+4,8%), trimmer (+10,9%), soffiatori/aspiratori (+7,1%) e rasaerba robot (+4,4%). Fra le poche tipologie di macchine che nel semestre registrano invece una flessione si segnalano le motoseghe (-2,5%) e i trattorini, che perdono una quota del 3,7%.

L’incremento complessivo che caratterizza il mercato alla metà dell’anno è frutto dell’impennata di vendite avutasi nel secondo trimestre, che ha permesso di recuperare rispetto ad un primo trimestre nettamente negativo. Il prolungamento della stagione fredda ha infatti costretto gli operatori a rimandare le manutenzioni di parchi ed aree verdi frenando così anche la domanda di macchinario, che nel primo quarto segnava un passivo dell’11% rispetto allo stesso periodo 2017, con flessioni particolarmente accentuate per rasaerba, decespugliatori, trimmer, tagliasiepi e trattorini.

La netta ripresa del mercato registrata nei mesi di aprile, maggio e giugno, soprattutto per alcune tipologie di mezzi – vedi rasaerba (+14,5%), motoseghe (+4,7%), decespugliatori (25,9%), trimmer (+53%), trattorini (+14,3%) e rasaerba robot (+24,1%) – ha prodotto una crescita complessiva delle vendite del 15,8%, consentendo al settore di recuperare il passivo e di presentarsi al “giro di boa” con l’incremento appunto di 1,4 punti percentuali.