• eng
    Ten International
  • ita
    Ten italiano
  • logo bricoliamo
    Magazine DIY
    per la famiglia
  • logo saga

In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email

La newsletter di Ten

Privacy Policy

Ten: DIY and Garden

icona consumatori Osservatorio Nomisma: cresce la passione per il verde in Italia


Durante il lockdown, la passione per il verde degli italiani è cresciuta: sono infatti 19 milioni, il 39% della popolazione, i green lover nel 2020, tre milioni in più rispetto all’anno precedente.

È quanto emerge dall’Osservatorio The World after Lockdown di Nomisma, che indaga abitudini, stati d’animo, consumi e aspettative relativi al periodo post Coronavirus di un campione di 1.000 persone responsabili degli acquisti (18-65 anni).

L’ultimo approfondimento ha riguardato il giardinaggio, uno dei passatempi preferiti dagli italiani, ed è stato realizzato ad hoc per Passione in Verde, portale web di Edagricole, e per Ital-Agro, azienda specializzata in prodotti per l’hobby farming.

Chi sono i green lover? Identikit di una passione

Il giardinaggio è un hobby alla portata di tutti, non richiede necessariamente ampi spazi o ingenti investimenti, ma soltanto costanza e dedizione. E infatti gli italiani con il “pollice verde” sono sempre di più: il primo studio di Nomisma, realizzato nel 2019 prima del lockdown, ha evidenziato che gli appassionatati del verde in Italia erano 16 milioni, raggruppabili in due categorie.

Da un lato i green expert: 12 milioni di agricoltori per passione, che si prendono cura di grandi spazi verdi, come terreni, orti e giardini; dall’altro lato i green enthusiast: 14 milioni di italiani che si dedicano alla cura di piante e fiori in casa o sul balcone.

Le due tipologie non segmentano in modo netto il gruppo dei green lover, ma rappresentano due orientamenti spesso sovrapponibili: molti agricoltori per passione, ad esempio, lavorano un terreno ma hanno anche un orto o piante in casa. Le due categorie possono essere, dunque, in molti casi concomitanti, ma isolando i due fenomeni e tracciando il profilo di ciascuna figura, emerge un identikit differente.

La quota di green expert (il 24% della popolazione) che si dedica a terreni è maggiore al Sud, mentre chi si prende cura di giardini ed orti è residente soprattutto nelle regioni del Nord Italia. I green experts hanno in media 53 anni, redditi familiari mensili medio alti e acquistano attrezzature e prodotti per il giardinaggio nei garden center, nei consorzi e presso le rivendite specializzate in prodotti per l’agricoltura.

I green enthusiast (il 27% della popolazione), invece, abitano prevalentemente al Nord, nei centri città. Hanno un’età media di 45 anni, redditi familiari mensili alti, sono in maggioranza donne e per gli acquisti di prodotti da giardinaggio prediligono i negozi di articoli per la casa, di bricolage e i siti online.

I luoghi del gardening: terreni, orti, giardini e terrazzi

Quattro milioni di appassionati (l’8% degli italiani) si dedicano all’orto, coltivando prevalentemente ortaggi, frutta, erbe aromatiche, piante officinali e alberi di olivo. L’estensione media dell’orto da loro coltivato è di 166 mq e l’esperienza maturata nella coltivazione del verde, da parte di questi soggetti, supera in media i 9 anni.

Nove milioni di green lover (il 17% degli italiani) si occupano del giardino/terrazza, che amano abbellire soprattutto con fiori, alberi, piante in vaso – ornamentali e aromatiche – frutta, siepi e ortaggi. L’estensione del loro spazio verde è mediamente di 493 mq per il giardino e 172 mq per il terrazzo.

I due milioni di amanti del verde che si prendono cura di un terreno (il 4% degli italiani) coltivano prevalentemente frutta, ortaggi, erbe aromatiche/officinali in un’area che in media è vasta 5.180 mq.

Le varietà preferite dai green enthusiast, infine, risentono della dimensione strettamente domestica dello spazio interessato e sono in prevalenza erbe aromatiche (32%), piante grasse (24%), ortaggi (15%), orchidee (15%) e bonsai (6%). Sempre per ragioni di spazio, nella maggior parte dei casi, questi appassionati coltivano in vaso (84%), anche se c’è chi sperimenta il giardino verticale (30%) oppure opta per le piccole serre (10%) o i box di legno (9%).

Una passione duratura che coinvolge l’intera famiglia e può diventare una vera e propria tradizione

La cura di uno spazio verde richiede tempo e dedizione; i green lover lo sanno bene e si approcciano a questo passatempo con grande diligenza e costanza: solo il 6% di loro, infatti, coltiva questa passione da meno di un anno, mentre il 25% si occupa di giardinaggio da meno di 5 anni e il 24% lo pratica da 5-10 anni. Gli appassionati “di lungo corso” sono il 25% e possono vantare un’attività “sul campo” di oltre 20 anni.

I green lover dedicano alla loro passione buona parte del tempo libero (in media 4,7 ore a settimana): il 27% riserva al giardinaggio meno di 2 ore alla settimana, ben il 43% dedica 2 – 5 ore alla settimana, mentre il 22% investe nella cura del verde dalle 5 alle 10 ore settimanali.

L’impegno dei green lover viene spesso ripagato dalla compagnia e dall’entusiasmo dei familiari che – avendo ereditato la passione per il verde e continuando la tradizione di famiglia – nel 55% dei casi partecipano a questa attività: ad essere più partecipe è il coniuge (42%), ma anche figli (9%), amici (6%), genitori o fratelli per il 4%, a dimostrazione che il giardinaggio è “una questione di famiglia”.

Giardinaggio per rilassarsi e non solo

L’effetto calmante e per certi versi “terapeutico” della cura del verde è ben noto: quasi un appassionato su due (43%), infatti, pratica giardinaggio per rilassarsi (26%) e per stare all’aria aperta e a contatto con la natura (17%).

Anche la motivazione estetica riveste un peso rilevante: il 18% dei green lovers si dedica a questa passione per rendere più bella la casa e il 12% lo fa per tenere in ordine uno spazio attiguo alla propria abitazione. Da non trascurare, infine, coloro che producono frutta e ortaggi a fini di autoconsumo (16%).

Cosa acquistano i green lovers

Dopo aver approfondito la conoscenza di questo vasto gruppo di appassionati, è interessante scoprirne preferenze e abitudini di acquisto: vediamo cosa hanno comprato i green lovers negli ultimi 12 mesi e quali sono i canali di acquisto prevalenti.

La classifica dei prodotti più acquistati vede al primo posto “Terra e terricci” per il 75% degli appassionati, a seguire i “semi” per il 62%, le “piante già mature in vaso” per il 59%, gli “accessori” (contenitori e vasi) per il 52% e gli “attrezzi per la manutenzione” per il 44%.

I canali prevalenti per gli acquisti gardening sono Iper e supermercati (40%), seguono fioraio (38%), garden center/vivai (37%) e negozi di articoli per la casa (36%). Il 34% ha effettuato nell’ultimo anno almeno un acquisto su Internet, soprattutto di accessori e attrezzi per la manutenzione (entrambi per una quota del 21%) e semi (20%).

Per gli acquisti online i green lover utilizzano principalmente siti generalisti specializzati nella vendita online (40%), siti di prodotti per il giardinaggio (22%) e siti di negozi fai da te (21%).

La preferenza per il canale digitale è riconducibile perlopiù a un maggior assortimento rispetto ai negozi tradizionali (secondo il 37% degli acquirenti online), alla comodità di comprare in qualsiasi momento ovunque si voglia risparmiando tempo (28%) e a prezzi più convenienti (22%).

“Effetto lockdown”: arrivano i neo-greenlover

In un mercato che godeva già di ottima salute e prospettava interessanti sviluppi futuri, ampiamente documentati dai dati Nomisma riferiti al 2019, il recente periodo di lockdown ha segnato una svolta: il 7% degli italiani, infatti, ha cominciato a occuparsi di giardinaggio proprio durante la quarantena. L’incremento del tempo libero da trascorrere in casa, il desiderio di circondarsi di cose “belle e piacevoli” e la necessità, per quanto possibile, di distrarsi hanno determinato un forte incremento del numero degli appassionati di giardinaggio, passati da 16 a 19 milioni nei tre mesi del lockdown.

Sono questi i dati che emergono da un secondo step della ricerca, realizzato a giugno 2020, nell’ambito dell’Osservatorio The World After Lockdown di Nomisma.

I neo-greenlover rappresentano il 7% della popolazione, ma qual è l’identikit di questi nuovi appassionati? Sono soprattutto donne (in questo target la quota dei nuovi appassionati cresce fino al 10%), Millennials (12%), laureati (10%) e abitanti dei piccoli centri (9%). La quota di chi ha scoperto di avere il “pollice verde” aumenta, inoltre, tra chi lavora in smart working (11%).

Durante il lockdown sono aumentati gli acquisti

La quarantena ha avuto un impatto positivo sugli acquisti di prodotti per il gardening: quasi 9 green lover su 10 (86%) hanno comprato prodotti per la cura del verde durante il lockdown e il 25% ha dichiarato di averne acquistati “più di prima”.

Trend futuri: cosa possiamo aspettarci nel 2021?

Immaginando un ritorno alla normalità, secondo l’Osservatorio The World after Lockdown di Nomisma, saranno 17 milioni (il 34% della popolazione) gli italiani che nel 2021 coltiveranno la passione per il verde, prendendosi cura di orti, terreni, giardini, terrazzi e piante in casa o in balcone.

Si tratta, quindi, di un fenomeno di portata rilevante per la società italiana e per tutti i settori collegati al gardening, soprattutto se si considera che dei 16 milioni di green lover pre-lockdown il 21% ha intenzione di dedicare ancora più tempo al giardinaggio una volta cessata l’emergenza Covid19.

Tutto questo avrà evidenti riflessi sugli acquisti “green” nel 2021 che, secondo l’Osservatorio, registreranno un incremento: il 32% dei green lover, infatti, incrementerà l’acquisto di terra e terricci, il 31% di piante già mature in vaso, il 30% di semi, il 26% di accessori (vasi…), il 19% di attrezzi per la manutenzione e il 26% di concimi/fertilizzanti/agrofarmaci.

Un approccio empatico e solidale con la natura circostante

In futuro questa tendenza rimarrà rilevante, anche sulla scia della crescente sensibilità nei confronti del tema ambiente e della sostenibilità, argomenti ormai profondamente radicati nella società.

L’empatia nei confronti della natura è, infatti, un tratto distintivo dei green lover e l’approccio al giardinaggio risente di questa attitudine: il 69% prova un senso di sconfitta quando una pianta muore, il 58% coltiva il proprio spazio verde facendo attenzione a preservare gli insetti e le specie animali e il 55% cerca sempre nuovi metodi di coltivazione più ecologici e sostenibili.

Un altro punto che porta avanti la “rivoluzione green” viene dagli attuali “non green lovers” che, pur non avendo ancora il pollice verde, dimostrano un marcato interesse per il tema: il 57% di loro, infatti, vorrebbe avvicinarsi a questa passione in futuro, principalmente attraverso la cura di piante e fiori in casa o sul balcone (30%), la coltivazione di un orto (26%) o la cura di un giardino (25%).

Le due fasi di indagine realizzate da Nomisma (pre e post-lockdown) hanno restituito dunque la “fotografia” di un settore gardening molto dinamico, con grandi potenzialità di crescita.

Per maggiori informazioni e approfondimenti sugli osservatori Nomisma o per sviluppare indagini ad hoc si può scrivere a osservatori@nomisma.it.

© SAGA s.r.l.
Ogni diritto sui contenuti è riservato ai sensi della normativa vigente. I contenuti di www.diyandgarden.com non possono, neppure in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto della società SAGA srl.

In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato
sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email


Privacy policy