• eng
    Ten International
  • ita
    Ten italiano
  • logo bricoliamo
    Magazine DIY
    per la famiglia
  • logo saga
Ten: DIY and Garden

Rivenditori e produttori Diy e la guerra in Ucraina


epicentr-ucraina
epicentr-ucraina

Alcune azioni e reazioni da parte di aziende dell’industria del bricolage, in particolare della distribuzione, a fronte della guerra che si combatte in Ucraina.

Il gruppo britannico Kingfisher ha smesso di vendere il numero limitato di prodotti che provengono direttamente dai fornitori russi e bielorussi.

Kingfisher in Polonia e Romania

Le filiali del gruppo in Polonia e Romania hanno avviato campagne di raccolta fondi. Brico Dépôt Romania sta donando articoli come letti, pannolini e altri prodotti, mentre Castorama Polonia sta fornendo generatori, caricatori e torce. La catena non vende più prodotti dalla Russia e dalla Bielorussia. I dipendenti dei negozi stanno lavorando come volontari nell’aiuto ai rifugiati. Si sta anche fornendo supporto ai colleghi che hanno accolto i rifugiati nelle loro case, secondo l’azienda. La sede centrale della Kingfisher sta facendo donazioni in denaro.

Ikea chiude i negozi

Ikea ha temporaneamente chiuso i suoi negozi in Russia e Bielorussia. L’azienda svedese sta fermando la sua produzione in Russia e non accetta più consegne dai fornitori.

Leroy Merlin in Ucraina e Russia

La catena francese di bricolage Leroy Merlin (Adeo) ha pubblicato un post sulla homepage del suo negozio online con un cuore nei colori nazionali dell’Ucraina, blu e giallo. Il testo che lo accompagna include le parole “Vinceremo! Gloria all’Ucraina!” Il sito dice anche: “I negozi sono chiusi. Stiamo ancora accettando tutti gli ordini online ma non garantiamo una consegna tempestiva a causa della situazione attuale”.

Leroy Merlin opera anche in Russia e lì è il leader del mercato. Obi è un’altra delle principali catene di bricolage in Russia. I dipendenti delle aziende russe del settore stanno esprimendo il loro orrore per le azioni del loro paese. (Ieri l’aggiornamento circa la chiusura dei suoi 27 negozi – Leggi qui)

Negozi Epicentr in fiamme

Il leader del mercato in Ucraina, l’azienda ucraina Epicentr, ha postato su Facebook la foto di un negozio di bricolage in fiamme. Il testo che l’accompagna dice che i mercati di Chernihiv e Mariupol sono bruciati. Il post inizia con le parole: “Continuiamo ad aiutare i difensori dell’Ucraina! Secondo questo post, l’azienda ha fornito alle forze armate ucraine materiali e strumenti di costruzione, insieme ad altri articoli, dall’inizio dell’invasione.

Koelnmesse termina la cooperazione

Koelnmesse sta terminando la sua cooperazione con “i nostri partner in Russia, alcuni dei quali sono stati con noi per molti anni e che non incolpiamo per gli eventi e che ora sono di fatto banditi dalla partecipazione”. Il CEO Gerald Böse ha detto in una dichiarazione, tuttavia, che la società rimarrà in contatto.

Produttori colpiti

Per i produttori del settore del bricolage e del giardinaggio, la guerra ha portato anche a un arresto delle relazioni commerciali. Consegne e pagamenti sono praticamente impossibili al momento.

Anche i siti di produzione in Russia stanno smettendo di lavorare. Per tutte le aziende contattate dalla redazione di DIY International, la prima preoccupazione è per i dipendenti e i partner in Ucraina. Numerose aziende hanno avviato o aderito a campagne di raccolta fondi.

Foto di apertura: l’immagine postata su Facebook dall’insegna ucraina Epicentr



© SAGA s.r.l.
Ogni diritto sui contenuti è riservato ai sensi della normativa vigente. I contenuti di www.diyandgarden.com non possono, neppure in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto della società SAGA srl.

In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato
sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email


Privacy policy