• eng
    Ten International
  • ita
    Ten italiano
  • logo bricoliamo
    Magazine DIY
    per la famiglia
  • logo saga

In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email

La newsletter di Ten

Privacy Policy

Ten: DIY and Garden

icona distribuzione Ugo Toppi: “maggior coesione per il funzionamento della filiera”


“Quello che spero è che nella primavera del 2021 tutti si ricordino della voglia di giardino che hanno avuto negli ultimi mesi”. Perché se c’è una nota positiva, in un “2020 da dimenticare”, è proprio il desiderio di verde, di rendere più belli e vivibili gli spazi all’aperto: giardini, terrazzi e balconi.

Cominciando dalla fine, è questo per Ugo Toppi, titolare del Centro del Verde Toppi di Origgio (VA) l’auspicio per il futuro, mentre alle spalle ci sono mesi di grandi e varie difficoltà.

Toppi, che è anche presidente di Promogiardinaggio, spera inoltre che “tutto il settore ne tragga l’insegnamento di un agire coeso, di una filiera che funzioni bene in ogni suo passaggio”.

Stagione prolungata e problemi di approvvigionamento

Riavvolgendo il nastro delle ultime settimane, si torna al 4 maggio, inizio della Fase 2, che per il Centro del Verde Toppi ha voluto dire il ritorno a una piena operatività, dopo un periodo di chiusura, di vendite online e consegne a domicilio e poi di parziale riapertura. “Sì, siamo tornati pienamente operativi, o quantomeno – sottolinea il titolare – per lavoro e impegno, visto che i problemi non mancano”. Il garden center appunto era aperto già dal mese di aprile (con la vendita di sole piante e articoli per la loro coltivazione, come vasi e terricci), ma complice la collocazione a cavallo tra quattro province (Milano, Como, Varese, Monza e Brianza) per i clienti non è stato semplice raggiungerlo, anche a causa, spiega Ugo Toppi, di regole non sempre chiare.

“Dal 4 maggio la riapertura è totale – spiega ora il titolare – Abbiamo dovuto prolungare la stagione delle piante fiorite, che tradizionalmente si chiude con la festa della mamma, a fronte di una grandissima richiesta. Purtroppo, abbiamo anche problemi di approvvigionamento, perché la produzione si è fermata, ed è un problema generalizzato”. Questo ha comportato un aumento dei prezzi? “Per quanto ci riguarda no: siamo riusciti a evitare rincari, anche per il rapporto di fiducia che abbiamo con i nostri fornitori abituali”.

Difficili da reperire non solo piante e fiori, ma anche tutti i dispositivi necessari a garantire la sicurezza del personale e della clientela, adeguando il garden alle nuove norme previste per contrastare la pandemia: mascherine, guanti, schermi in plexiglas. “E i costi in questo caso sono invece triplicati”.

La riorganizzazione tra boom di richieste e DPCM notturni

Durante le settimane del lockdown il centro giardinaggio ha organizzato un servizio di consegna a domicilio e di ordini online, e la risposta della clientela è stata fin troppo massiccia. “Una sera abbiamo chiuso alle 21.30 dopo aver quasi completato gli ordini della giornata. La mattina dopo, alle 8, avevamo già 360 nuovi contatti via mail. A quel punto abbiamo capito che non era fattibile per noi la gestione degli ordini, il rapporto con la clientela, le consegne, che eseguivamo internamente” con i corrieri delle grandi compagnie saturati dalle richieste dei grandi colossi. “Abbiamo perciò deciso di bloccare le ordinazioni via mail e gestire solo quelle telefoniche. L’online era anche un fronte al quale non eravamo ancora preparati“.

La voglia di verde, durante le settimane di quarantena si è fatta sentire. “Abbiamo avuto picchi di richieste di arredi, di sedie a sdraio. Colleghi che trattano piscine mi dicono che le hanno esaurite da tempo. Sicuramente c’è stata una voglia, anche obbligata se vogliamo, di giardino, di rendere più accoglienti e gradevoli gli spazi aperti di casa”, spiega Ugo Toppi.

Quali sono state le criticità nell’affrontare le misure che i DPCM hanno man mano stabilito durante i mesi di marzo e aprile? “Purtroppo devo dire che abbiamo pagato una grande inadeguatezza nella gestione dell’emergenza. I decreti emanati di notte sono stati un vero problema: ci siamo dovuti orientare nell’incertezza: aprire, chiudere, in che modo riaprire, in una selva di decreti governativi, di ordinanze regionali, comunali, che spesso si contraddicevano. L’incertezza e le interpretazioni hanno fatto più danni della calamità“.

Un esempio, continua Toppi, proprio quello dei dispositivi di sicurezza da reperire per l’avvio della Fase 2. “Dal 3 maggio per il 4 ci siamo dovuti attrezzare con guanti monouso e tutto il resto, senza che fosse ben chiaro dove trovarli e soprattutto a che prezzo. Per fortuna, l’aver aperto parzialmente già da prima ci ha fatto sì che fossimo già attrezzati”.

Obiettivo Natale 2020, già al lavoro per la gestione delle vendite e l’esposizione

Archiviata una primavera da dimenticare, allungata la stagione dei fiori e con l’estate ormai già cominciata, per i garden è tempo di ragionare sul futuro, e sull’altro grande appuntamento dell’anno: il Natale. “Questa è una domanda da un milione di dollari – dice Toppi – ordini e merci per i prossimi mesi sono già in arrivo, o già ordinati e pagati. Eppure come sarà non sappiamo, diciamo che pensiamo al meglio e ci prepariamo al peggio. Per il nostro villaggio di Natale stiamo pensando a un percorso più ampio per garantire spazi più ampi, e naturalmente ingressi scaglionati. Inoltre ci stiamo preparando a gestire meglio l’online, con un sito dedicato: non possiamo permetterci di rischiare, nel caso ci fossero nuove chiusure. Ovviamente speriamo non ci siano ricadute”.

Un Natale in lockdown rischierebbe di dare il colpo di grazia a un 2020 le cui perdite sono già preoccupanti, anche se i dati di maggio, ancora in analisi, danno segnali positivi. “Abbiamo rilevato un aumento sul maggio 2019, ma di certo non sufficiente a coprire i mesi di marzo e aprile, che sommati fanno un -70% circa sugli stessi due mesi della stagione precedente. Speriamo che il prossimo anno tutti si ricordino della voglia di giardino che hanno avuto nella primavera del 2020″.

© SAGA s.r.l.
Ogni diritto sui contenuti è riservato ai sensi della normativa vigente. I contenuti di www.diyandgarden.com non possono, neppure in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto della società SAGA srl.

In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato
sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email


Privacy policy