• eng
    Ten International
  • ita
    Ten italiano
  • logo bricoliamo
    Magazine DIY
    per la famiglia
  • logo saga
Ten: DIY and Garden

icona distribuzione Covid-19, nei centri brico si rischia come all’aperto


E’ il risultato di uno studio realizzato dalMax Planck Institute for Dynamics and Self-Organization (MPI-DS). Purché tutti indossino la mascherina.

Il rischio di infezione da COVID-19 nei grandi spazi interni come i centri bricolage o le grandi ferramenta è basso se tutti portano la mascherina e lo studio ha rilevato che il rischio di infezione nell’aria in ampi spazi interni è paragonabile a quello che di riscontra all’aperto.

La determinazione del rischio di infezione da COVID-19 nelle situazioni quotidiane è diventata una considerazione importante per molte persone nel loro processo decisionale quotidiano. Lo studio del team di Eberhard Bodenschatz presso il Max Planck Institute for Dynamics and Self-Organization ha realizzato misurazioni sul campo, in due diversi negozi e hanno scoperto che anche con un’occupazione media tipica di una persona ogni 25 mq., gli aerosol esalati dalle persone infette nella stanza praticamente non aumentano il rischio di infezione. Prevalentemente, questo rischio deriva dal contatto diretto e dall’interazione tra le persone.

“Abbiamo usato particelle di diverse dimensioni simili agli aerosol esalati dalle persone, che sono note per rimanere nell’aria per molto tempo. Nei nostri esperimenti, abbiamo misurato la loro distribuzione e decadimento in diversi punti dei negozi – spiega Eberhard Bodenschatz -. I nostri dati mostrano tempi di permanenza molto brevi e un rapido decadimento di questi aerosol, indipendentemente dalla dimensione delle particelle misurata”.

Nel negozio di ferramenta, il tempo di decadimento degli aerosol è risultato essere di circa 1-2 minuti. Per determinare il rischio di infezione di una persona, i ricercatori hanno calcolato un valore massimo come limite superiore per l’infezione, in modo simile al loro recente studio sull’efficacia delle maschere FFP2 . In questo, ipotizzando un tasso di incidenza a 7 giorni di 2.000 nuove infezioni ogni 100.000 famiglie, il rischio di infezione è statisticamente solo del 3% circa, simile a una situazione all’aperto.

“Tutto sommato, abbiamo scoperto che l’accumulo di aerosol in ampi ambienti interni come i centri bricolage o grandi ferramenta è trascurabile per il rischio di infezione“, riassume Bardia Hejazi, autrice principale dello studio. “Questo suggerisce che tali spazi sono luoghi sicuri purché tutti indossino una maschera filtrante certificata”, commenta Bodenschatz.

Nella foto: Mohsen Bagheri sta rilasciando la polvere di prova nel negozio di ferramenta che viene utilizzata per imitare gli aerosol umani per determinare la loro dinamica nella zona. © MPI-DS / Bodenschatz

Giornalista specializzata sul mercato bricolage e le tendenze del settore fai-da-te e decorazione della casa. Ha collaborato con le più importanti riviste specializzate.



Giornalista specializzata sul mercato bricolage e le tendenze del settore fai-da-te e decorazione della casa. Ha collaborato con le più importanti riviste specializzate.

© SAGA s.r.l.
Ogni diritto sui contenuti è riservato ai sensi della normativa vigente. I contenuti di www.diyandgarden.com non possono, neppure in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto della società SAGA srl.

In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato
sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email


Privacy policy