• eng
    Ten International
  • ita
    Ten italiano
  • logo bricoliamo
    Magazine DIY
    per la famiglia
  • logo saga

In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email

La newsletter di Ten

Privacy Policy

Ten: DIY and Garden

icona distribuzione CLab di Capaldo. Il valore aggiunto, oltre il prodotto



Innanzitutto i numeri. 171 espositori su una superficie di 11mila metri quadrati, 7.000 visitatori di cui 2.000 punti vendita e 8.000 ordini. Così l’evento Capaldo ha rimarcato, se ancora ce ne fosse bisogno, quanto siano attuali e seguiti gli eventi organizzati dai distributori/grossisti, siano essi organizzati a Nord sia nel Sud del nostro Paese.

Il punto di partenza è l’esposizione, stand più o meno preallestiti, prenotabili su diversi moduli, a discrezione dell’espositore, unita ad una macchina tecnologica messa a punto per offrire al visitatore la possibilità di accedere alle offerte concordate tra grossista e produttore ed effettuabili in modalità telematica, ovvero da computer e da smartphone.

Tuttavia, l’appuntamento di Capaldo ha comunicato ai visitatori qualche elemento in più. Innanzitutto (e aggiungerei, soprattutto) la location: casa propria a Santorelli (Av), più precisamente una porzione molto ampia del proprio magazzino  – 11 mila mq – che è stato letteralmente svuotato. Un impegno non da poco, indubbiamente vincente e che ha dato modo di poter mostrare la propria forza in fatto di logistica; non a caso oltre all’esposizione degli stand è stato possibile visitare i due impianti, quello dedicato alla merce voluminosa e quello destinato agli articoli meno ingombranti.

E, infatti, questo il commento di Sergio Capaldo, ringraziando i partecipanti: “E’ stato un progetto fantastico di condivisione. Abbiamo aperto la porta di casa nostra per accogliervi volendo farvi sentire in famiglia, ma siete voi che ci avete fatti sentire in famiglia”.

Da segnalare lo Spazio C, un’ampia area che è stata dedicata al negozio, inteso come spazio fisico. Da un lato, l’esposizione e l’accoglienza di Mario Delli Colli, ex Oviesse e figura storica in Capaldo Spa, nell’area dedicata al progetto “Cresciamo insieme”, ha consentito, al rivenditore di conoscere le proposte assortimentali ed espositive, realizzate ad hoc, secondo i diversi settori merceologici. Non solo, la due giorni è stata anche l’occasione per raccontare ai visitatori le molteplici possibilità di consulenza che arrivano fino alla consegna “chiavi in mano” del negozio desiderato, in tutte le sue fasi, dalla progettazione, alla realizzazione vera e propria. Dall’altro il futuro, con la presentazione di Pro 4.1. retail, un future store concept che coniuga il fisico con l’esigenza, sempre più pressante, delle vendite on line. A disposizione dei visitatori l’intero team di Ricerca & Sviluppo  composto da Alessandra Capaldo, Antonio Serpe (ex Metro, ex Uniero e coordinatore del progetto), Franco Del Regno, Carmine Ferrari e Pellegrino Spagnuolo.

Ma oltre al business, la convivialità, organizzata e disponibile a ciclo continuo, grazie all’area FoodLab che ha riunito tutti in diversi momenti della giornata, con un’offerta gastronomica locale di qualità, oltre a due spettacoli di cabaret con Biagio Izzo e Nando Variale e un’area di animazione dedicata ai più piccoli all’esterno; quest’ultima posizionata a fianco dell’ampia area  ” I Giardini del re” cavallo di battaglia di A. Capaldo Spa, nell’arredo outdoor.

L’evento si è concluso con la cerimonia di premiazione promossa dalla Capaldo in collaborazione con gli sponsor (Ambrovit, Assa Abloy, Bestway. Bostik, Elematic, Krino, Terry Storage, Concord e I Giardini del Re) che hanno assegnato a dieci punti vendita ricchi premi: il più ambito è stato una Mazda 3 Hybrid, vinta da Ciro Casolaro, titolare di una ferramenta a Napoli.

Insomma, un evento riuscito – a dispetto della pioggia e della grandine della seconda giornata – ben organizzato, grazie anche al supporto di Ma.Mu srl e che potrà ben essere replicato. L’anno prossimo? “No, non pensiamo ad una cadenza annuale – conclude Sergio Capaldo – ma la biennalità potrebbe essere la soluzione migliore.”

Per saperne di più sul magazzino logistico di A. Capaldo Spa

 

Giulia Arrigoni

Giornalista specializzata sul mercato bricolage e le tendenze del settore fai-da-te e decorazione della casa. Ha collaborato con le più importanti riviste specializzate.