• eng
    Ten International
  • ita
    Ten italiano
  • logo bricoliamo
    Magazine DIY
    per la famiglia
  • logo saga
Ten: DIY and Garden

icona distribuzione Basta interpretazioni del DPCM: i garden restino aperti o sarà la fine


L’allarme arriva dalla Consulta Florovivaistica di Coldiretti, che ha scritto una lettera alla GDO, a Federdistribuzione e alle istituzioni. 

Oggetto: le errate interpretazioni del DPCM del 3 novembre da parte di autorità locali, che hanno causato la chiusura «ingiusta» di reparti dei supermercati e soprattutto garden center, con il rischio di mettere a seria prova la tenuta di tutto il comparto, soprattutto in vista del Natale.

A firmare l’urgente richiesta di chiarimenti, affinché non si lasci spazio a dubbi o interpretazioni di quanto previsto dal DPCM, è stato direttamente il presidente di Coldiretti, Ettore Prandini, insieme a Mario Faro e Nada Forbici, rispettivamente presidente e coordinatore della Consulta nazionale florovivaismo.

“Il problema – spiega Nada Forbici – si è manifestato in particolare in alcune regioni: Veneto, Friuli Venezia Giulia e Sicilia. In queste zone, in seguito a una interpretazione scorretta del DPCM del 3 novembre, è spesso scattato lo stop alle attività di vendita di piante, che erano invece tutelate da decreto «in quanto completamento e sbocco della filiera agricola”.

Sono arrivate così ordinanze di chiusura degli spazi dedicati a piante e fiori nei centri commerciali, supermercati e ipermercati, mentre lo stop all’attività di realtà commerciali di oltre 250 mq ha fermato diversi garden, “che superano facilmente queste dimensioni, inglobando spesso produzione e vendita, senza che a livello regionale o comunale ne sia stata riconosciuta l’eccezionalità”, prosegue Nada Forbici.

Se a tutto questo si aggiungono anche i divieti agli ambulanti all’interno dei mercati locali, il rischio per il comparto florovivaistico è che non ci sia praticamente più spazio per la vendita di piante e fiori – in particolare Stelle di Natale e alberi veri, nel periodo delle feste – se non ci sarà un’applicazione omogenea e corretta di quanto previsto dai DPCM. A vantaggio, denuncia Coldiretti, dell’acquisto di piante e fiori in plastica, che pesano sull’economia  e sull’ambiente.

Il problema non riguarda però solo alberi di Natale e stelle, ma anche altre piante (i ciclamini, per esempio) e fiori recisi già pronti per la vendita che rischiano di dover essere buttati con un danno gravissimo per un settore già duramente segnato. “Un settore – spiegano i firmatari – che ha già pagato un conto da oltre 1,5 miliardi di euro a causa della pandemia, con la perdita di decine di migliaia di posti di lavoro, dai vivai ai negozi”. Senza considerare per il settore florovivaistico anche i problemi di export, i ritardi di consegne e trasporti e i le difficoltà di vendita.

Cosa auspicate in vista del prossimo DPCM Natale? “Semplicemente che venga rispettato il DPCM del 3 novembre – sottolinea Nada Forbici – dove piante e fiori risultano aperti alla commercializzazione. Al contrario con diverse ordinanze e successive interpretazioni è successo di tutto e di più, soprattutto in alcune regioni: reparti di piante e fiori chiusi nella gdo, garden center chiusi nei weekend, superfici di apertura limitate. Abbiamo bisogno che per i prossimi 20 giorni non ci siano restrizioni per l’anello finale del nostro prodotto, altrimenti le aziende floricole dopo la primavera non riusciranno a reggere questo secondo contraccolpo”.

Il valore della produzione italiana di fiori e piante è stimato in 2,57 miliardi di euro, con 27mila imprese e 200mila posti di lavoro.



Giornalista pubblicista, Letizia Rossi lavora da diversi anni nell’ambito della stampa specializzata e B2B, in particolare nel settore del verde, dopo una lunga esperienza nella cronaca locale. Come freelance segue progetti comunicazione online e social per aziende e associazioni. È laureata in Filologia Moderna e collabora tuttora anche in ambito accademico.

© SAGA s.r.l.
Ogni diritto sui contenuti è riservato ai sensi della normativa vigente. I contenuti di www.diyandgarden.com non possono, neppure in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto della società SAGA srl.

In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato
sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email


Privacy policy