• eng
    Ten International
  • ita
    Ten italiano
  • logo bricoliamo
    Magazine DIY
    per la famiglia
  • logo saga

In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email

La newsletter di Ten

Privacy Policy

Ten: DIY and Garden

icona tendenze Osservatorio Consumi. La classifica regionale


Nella top 5 delle regioni con il peggiore andamento la Lombardia ha registrato il peggior trend nel mese di marzo (-83%), seguita da Toscana (-80,9%), Emilia-Romagna (-80,5%), Veneto (-80%) e Campania (-79,7%).

Il trend del primo trimestre vede sempre la Lombardia prima in classifica per maggior calo delle vendite rispetto allo stesso periodo 2019, seguono Toscana, Emilia-Romagna, Veneto, Piemonte.

Questi i risultati dell’Osservatorio permanente sull’andamento dei consumi nei settori ristorazione, abbigliamento e non food elaborato da Confimprese-EY, per il primo trimestre 2020.

LOMBARDIA

Rispetto alle altre regioni in Lombardia si registra il trend peggiore (-82,8%), guidato in particolare dalle province di Brescia, Bergamo e Mantova (-85%), mentre Monza Brianza perde l’84% e Milano l’83%. Il primo trimestre si è chiuso a livello italiano con una flessione del 26% e anche in questo caso la Lombardia fa segnare il trend peggiore tra le regioni italiane con un -29,2 per cento.

Particolarmente colpite sono le province che per prime hanno subito i primi contagi, oltre a Bergamo (-31%), significative: Pavia (-34%), Cremona (-33%), Lodi (-32%). Anche Monza Brianza fa segnare un trend negativo di oltre il 30% e pari al -32%. Guardando alle principali città della regione, Milano ha registrato un calo dell’84% nel mese di marzo e -29% nel trimestre, Bergamo segna un trend negativo dell’88% a marzo mentre Brescia perde l’84%.

VENETO

In Veneto il trend di vendite è stato leggermente peggiore del dato italiano con -80% sul mese di marzo e con -27,6% sul primo trimestre. Trend peggiori della media italiana sono le provincia di Venezia e Padova (-83%), che vedono anche un dato sotto media sul trimestre con rispettivamente -29% e -28 per cento. Venezia e Padova registrano -83% nel mese di marzo, Verona città riporta un -76 per cento.

EMILIA-ROMAGNA

In Emilia-Romagna il trend di vendite è peggiore rispetto al dato italiano e pari al -80,5% sul mese e -27,6% sul trimestre. La provincia con il trend peggiore è Modena (-82% nel mese di marzo) mentre la provincia di Bologna ha registrato un calo del 79%.

A livello trimestrale la provincia di Forlì-Cesena registra il trend peggiore perdendo il 30% rispetto al primo trimestre del 2019, seguita da Modena con il -29%, Bologna con il -26%, e Parma -25%.

La città di Bologna riporta un dato vicino alla media italiano con un calo del 79% nel mese di marzo e peggiore nel trimestre col -28%.

PIEMONTE

In Piemonte il trend di vendite è stato leggermente migliore del dato italiano pari al -77,4% sul mese e -25,5% sul trimestre (-25,8% a livello italiano).

La provincia con il trend peggiore è stata Alessandria (-81% in marzo), mentre la provincia di Torino ha registrato un calo del -79 per cento. A livello trimestrale Torino perde il 28%, le altre province hanno un trend leggermente migliore registrando -21% Novara e -24% Alessandria.

La città di Torino riporta un dato vicino alla media italiana con un calo del -78% nel mese di marzo e del -25% nel trimestre.

CAMPANIA

In Campania il trend registrato è molto simile a quello italiano, con -79,7% sul mese di marzo ma leggermente migliore nel trimestre con -21,9%, grazie a una migliore performance di gennaio e febbraio.

A livello provinciale Caserta (-82%) e Salerno (-80%) vanno peggio di Napoli (-78%), che con la sua provincia registra anche il dato meno negativo del trimestre con -19 per cento.

Ed è la città di Napoli che registra anche il trend migliore tra le grandi città italiane con -72% sul mese di marzo 2020 e -12% sul trimestre rispetto al 2019.

LAZIO

Nel Lazio il trend è stato leggermente migliore del dato italiano con -77,7% sul mese di marzo e anche migliore nel trimestre con il -24,8% rispetto a un dato nazionale del -25,8 per cento.

A livello provinciale Roma (-78%) fa meglio di Latina (-79%) sul mese, ma sul trimestre hanno un trend simile pari al -25 per cento. La città di Roma fa registrare lo stesso trend della provincia, con -78% sul mese e -25% sul trimestre.

SICILIA

In Sicilia il trend è stato leggermente migliore del dato italiano nel mese di marzo con -75,2% e anche sul trimestre il trend è pari al -21,9% grazie alla buona performance dei mesi di gennaio e febbraio.

A livello provinciale Palermo ha fatto segnare -76% contro -78% di Catania, meglio Messina con -72 per cento. Sul trimestre la provincia di Palermo subisce un calo di ‘solo’ il 20 per cento.

A livello delle principali città, Catania ha un trend peggiore del dato italiano con -80% sul mese e -27% sul trimestre, mentre la città di Palermo è andata leggermente meglio con -76% sul mese e – 20% sul trimestre.

Altre regioni: le restanti sono state accorpate perché troppo piccole, nel campione rilevato, per avere una significatività statistica.

L’Osservatorio Permanente dei consumi

© SAGA s.r.l.
Ogni diritto sui contenuti è riservato ai sensi della normativa vigente. I contenuti di www.diyandgarden.com non possono, neppure in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto della società SAGA srl.

In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato
sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email


Privacy policy