In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email

Iscrizione Newsletter

Ten Newsletter

Dichiaro di essere al corrente sui termini della privacy policy

Ten: DIY and Garden

icona tendenze Leroy Merlin e “La Casa di Domani”, vince Federico Candio


Come sa chi segue e conosce l’Osservatorio, l’iniziativa comprende anche un concorso dal titolo “Casa di domani”, aperto agli studenti di architettura, design e ingegneria di tutta Italia e non solo. Anzi, quest’anno è stato l’anno dell’internazionalità e l’argomento scelto è stato: ” La stanza da bagno ideale”.

Per questa edizione è stato richiesto di predisporre 5 mini progetti bagno. Nello specifico,  4 progetti bagno (uno per tipologia di bagno definito da Leroy Merlin) utilizzando i materiali Leroy Merlin ed 1 progetto bagno ipotizzando di progettare in modo ideale, a prescindere dai prodotti presenti nell’assortimento di Leroy Merlin e sviluppando ex novo prodotti ad hoc (es. mobiletti bagno, box doccia ecc..).

Gli elaborati dovevano avere caratteristiche di concretezza e reale fattibilità, tenendo conto delle 4 tematiche fondamentali emerse della ricerca “Osservatorio sulla Casa” che esprimono i reali desiderata della società moderna sulla casa ovvero: casa comoda da vivere, capace di farti risparmiare, attenta alla salute, rispettosa dell’ambiente.

Sono stati 352 i gruppi partecipanti da tutte le parti del mondo, un folto gruppo dal quale si è distinto il vincitore, Federico Candio, vicentino, proveniente da Nad, Nuova accademia di Design di Verona. Un 1° premio che, come ha sottolineato Gianni Bientinesi ” si è distinto perché è riuscito ad interpretare al meglio i contenuti della ricerca, in un progetto concreto e accessibile. Molto spesso non servono grandi risorse per dare vita a progetti validi e belli e lui è riuscito a fornire soluzioni interessanti, utilizzando prodotti in commercio e innovativi”.

Il secondo classificato è rappresentato da un gruppo di quattro studenti dell’Università degli studi della Basilicata (facoltà di architettura di Matera) Alessandro Santoro, Martina Mennone, Roberta Luccarelli, Anna Lo Monaco. Quindi terzo è giunto Ovidiu Cristian Pavel (Sapienza Università di Roma, Facoltà di Architettura).

La commissione esaminatrice, che ha votato ciascun progetto utilizzando una scala da 1 a 10 ha in una prima fase selezionato 51 partecipanti che hanno prodotto 255 progetti. Quindi il comitato scientifico dell’Osservatorio sulla Casa ha scelto i tre finalisti per poi arrivare al vincitore.

Il progetto vincitore di Federico Candio si è distinto appunto per una presentazione di impatto attraverso rendering capaci di restituire l’idea concreta di come sarebbe stato il risultato finale; ma anche per la qualità e la completezza del progetto. E’ stato molto apprezzato il lavoro di dettaglio delle soluzioni e dei materiali scelti. Infine un altro elemento determinante è stata la realizzabilità concreta del progetto a costi accessibili.

“La cosa più interessante di questa edizione – prosegue il coordinatore del comitato scientifico del contest, Gianni Bientinesi – è stata la partecipazione di giovani progettisti stranieri offrendo un’interpretazione ulteriore del bagno che per noi italiani è così centrale. La vera novità proposta dai concorrenti è stata la possibilità di utilizzare in questo contesto, reinventandoli, materiali naturali quali il legno e la pietra che non pensavamo potessero essere utilizzati all’interno del bagno. E’ stata a vittoria della creatività unita alla concretezza delle scelte perché i partecipanti ci hanno dimostrato che realizzare un bagno bello è possibile, pur con risorse limitate”.

Per il vincitore il premio è stato di 3.500 euro, il secondo classificato ha vinto 1.000 euro e il terzo premio era di 500 euro. Inoltre, ai vincitori del Contest verrà proposta la possibilità di dare visibilità al progetto vincitore sui canali di comunicazione di Leroy Merlin Italia quali ad esempio il nuovo catalogo bagno, fare un tirocinio presso Leroy Merlin Italia, finalizzato a lavorare concretamente sul progetto in oggetto e mettere a disposizione il progetto vincitore agli “Empori fai da noi”.