• eng
    Ten International
  • ita
    Ten italiano
  • logo bricoliamo
    Magazine DIY
    per la famiglia
  • logo saga

In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email

La newsletter di Ten

Privacy Policy

Ten: DIY and Garden

icona produzione Bayer, aumentano le vendite ma anche i contenziosi


Una conferenza stampa per comunicare l’andamento dell’ultimo trimestre e anche  per rispondere alle domande sullo stato dell’arte in merito al Roundup, l’erbicida a base di glifosato, sotto accusa, in particolare negli Stati Uniti.

Per quanto riguarda i risultati economici la multinazionale, per mezzo del presidente Werner Baumann, ha comunicato che l’azienda “ha avuto un terzo trimestre di successo. Abbiamo aumentato le vendite del Gruppo e l’EBITDA e il business si è sviluppato bene in tutte le divisioni. Allo stesso tempo, abbiamo compiuto importanti progressi da un punto di vista strategico, in particolare con le misure di efficienza, strutturali e di portafoglio che abbiamo annunciato alla fine del 2018 “.

Le vendite del terzo trimestre del Gruppo Bayer sono aumentate del 5,4% su base aggiustata per valuta e portafoglio (Fx e aggiustamento del portafoglio) a 9,830 miliardi di euro. Su base riportata, le vendite sono aumentate del 6,1%. L’EBITDA prima delle voci speciali è aumentato del 7,5% a 2,291 miliardi di euro. Si è verificato un effetto positivo di circa 110 milioni di euro dall’IFRS 16, che è stato applicato dal 1 ° gennaio 2019. In base a questo nuovo principio, le spese di leasing non sono più rilevate nell’EBITDA. C’è stato anche un effetto valutario positivo di 77 milioni di euro.

Roundup, azioni legali in aumento

Per concludere, Werner Baumann ha affrontato anche l’affaire “Roundup”, ammettendo che “nelle ultime settimane e mesi, il numero di azioni legali è nuovamente aumentato. Entro l’11 ottobre 2019, circa 42.700 querelanti avevano intentato causa contro Bayer negli Stati Uniti. Si tratta di un aumento sostanziale rispetto alla cifra di 18.400 querelanti dell’11 luglio 2019, già comunicata nella relazione semestrale”.

Un aumento che l’azienda imputa all’aumentata pubblicità anti-Roundup da parte dei querelanti in seguito all’ordine di mediazione del giudice Chhabria nel maggio 2019. Si stima che abbiano speso oltre 50 milioni di dollari in pubblicità televisiva nel solo terzo trimestre. È circa il doppio rispetto all’intera prima metà di quest’anno.

Tutti i processi inizialmente previsti per il 2019 sono stati rinviati e Bayer ha impugnato tre sentenze di primo grado nello stato della California, ribadendo la propria convinzione nella sicurezza dei prodotti a base di glifosato: “gli agricoltori di tutto il mondo applicano questa tecnologia perché controlla le erbe infestanti e salvaguarda i raccolti. Il glifosato è efficace, consente pratiche agricole più sostenibili ed è sicuro se usato secondo le istruzioni”, ha commentato Baumann che concludendo ha affermato che “ci stiamo impegnando in modo costruttivo nel processo di mediazione ordinato dal giudice Vince Chhabria (che ha sì ridotto da 80,27 milioni di dollari a 25,27 milioni di dollari, il risarcimento spettante a Edwin Hardemann, ex giardiniere californiano affetto da linfoma non-Hodgkin, ma ha comunque confermato la colpevolezza dell’azienda – ndr) al fine di trovare una soluzione. Le negoziazioni sono in corso, tuttavia, è chiaro che Bayer accetterà solo un risultato di mediazione che sia finanziariamente ragionevole”.

 

Il presidente di Bayer, Werner BaumannTutti gli articoli

Giulia Arrigoni

Giornalista specializzata sul mercato bricolage e le tendenze del settore fai-da-te e decorazione della casa. Ha collaborato con le più importanti riviste specializzate.

© SAGA s.r.l.
Ogni diritto sui contenuti è riservato ai sensi della normativa vigente. I contenuti di www.diyandgarden.com non possono, neppure in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto della società SAGA srl.