• eng
    Ten International
  • ita
    Ten italiano
  • logo bricoliamo
    Magazine DIY
    per la famiglia
  • logo saga

In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email

Iscrizione Newsletter

Ten Newsletter

Dichiaro di essere al corrente sui termini della privacy policy

Ten: DIY and Garden

icona distribuzione Moretti (CNCC), il Governo e le chiusure domenicali



La presentazione della campagna di charity e solidarietà, nata dalla collaborazione tra la Croce Rossa Italiana e i Centri Commerciali d’Italia associati al CNCC ( Consiglio Nazionale Centri Commerciali), ha trovato la sala gremita di giornalisti e personalità di spicco della distribuzione italiana e associativa.

Una combinazione che, di questi tempi, non poteva che stimolare l’apertura di uno scambio – domande e risposte – su quello che è il tema del momento: le chiusure domenicali.

A parte il video, del quale vi suggeriamo l’intera visione perchè ben esprime, tramite il suo presidente Massimo Moretti, le posizioni dell’Associazione, questi i punti emersi.

I consumi domenicali rappresentano il 18% dell’intero fatturato dei centri commerciali; fatturato che andrebbe perso, e per giunta in un momento di recessione del Paese;

Si ridurrebbe la libertà di scelta di oltre 6 milioni di italiani che ogni domenica scelgono di trascorrere il loro tempo in questi luoghi di aggregazione, con tutta la famiglia.

I centri commerciali sono le nuove piazze italiane e social hub, in particolar modo nelle aree più periferiche: posti sicuri, puliti, dove l’offerta di servizi e intrattenimento è sempre più varia e indirizzata a tutti: famiglie, giovani, anziani.

La proposta di legge mette a rischio, come minimo, 40 mila posti di lavoro, valore sottostimato se ai cc si aggiungono anche le attività commerciali standing alone.

Il problema delle deroghe. Al riguardo la proposta di legge è poco chiara e Moretti esprime preoccupazione. Per lavorare c’è bisogno di regole chiare e semplici e che valgano per tutti. La confusione crea problemi e blocca lo sviluppo, soprattutto se  gli investimenti potenziali riguardano aziende straniere che vogliono lavorare in Italia.

Questa è una misura che favorisce l’on line. Riteniamo che sia davvero strategico per il Paese? Se non siamo sicuri, perché ci sono mille perplessità sul tema delle regole, dell’antitrust, sulla fiscalità e occupazione, allora pensiamo bene a quello che stiamo facendo. Forse l’Italia sul tema delle aperture domenicali è avanti rispetto ad altri Paesi Europei.

Nel caso non ci fosse un secondo round di audizioni. CNCC prevede un impatto sull’economia italiana importante e non esclude iniziative. L’associazione ha prefigurato anche gli scenari peggiori ed è pronta ad ogni iniziativa, anche di natura legale o clamorosa, pur nel rispetto della norma. Naturalmente si augura che prevalga linea del dialogo nell’individuazione di una soluzione condivisa che non sia penalizzante.

“Sono sempre propenso al dialogo – ha concluso Moretti -. Anche per comprendere meglio – dato che ancora mi sfuggono – le reali motivazioni di questa iniziativa . Da parte nostra c’è disponibilità ma, in caso contrario, siamo pronti a tutto perchè il tema è grave, per noi, per la cittadinanza e l’economia italiana”.

I numeri di CNCC:

  • 195 soci
  • 1.214 centri commerciali, Retail Parks, Factory Outlet
  • 19.343.000 mq di GLA totale
  • 51 miliardi di euro (al netto di IVA) il volume d’affari, pari al 3,5% del PIL nazionale
  • 553 mila il numero dei dipendenti diretti
  • 33 mila negozi
  • 2 miliardi di presenze annue