• eng
    Ten International
  • ita
    Ten italiano
  • logo bricoliamo
    Magazine DIY
    per la famiglia
  • logo saga
Ten: DIY and Garden

icona distribuzione 2021, i 4 macro trend del commercio (fisico e non )


Nel report ‘The Future of Commerce’ targato Shopify l’omnicanalità è scontata ma i consumatori sono sempre più inclini ad acquistare da imprese locali, indipendenti e sostenibili. Soprattutto sui social.

A fronte dei molti cambiamenti portati dal Covid-19, come sarà il commercio nel 2021? Lo rivela Shopify, una delle maggiori piattaforme e-commerce all-in-one a livello globale, nel rapporto ‘The Future of Commerce – 2021’.

Uno studio con l’obiettivo di evidenziare i cambiamenti in atto nel mondo retail, in Italia e nel mondo. Risultato? Il futuro (prossimo) del commercio è omnichannel, guidato dai social e dalle realtà indipendenti e attente alla sostenibilità. E sono proprio i più giovani a guidare il cambiamento.

Il commercio on line

L’indagine di Shopify comprende 11 Paesi nel mondo, Italia compresa. E nel nostro Paese, da inizio pandemia, il 63% degli intervistati ha dichiarato di aver spostato gran parte dei propri acquisti online. A farlo sono stati soprattutto i giovani tra i 18 e i 34 anni (74%) e che sono la vera forza trainante della crescita dell’e-commerce. Insieme a UK (63%), è la percentuale più alta d’Europa: seguono Spagna (53%), Francia (46%) e Germania (36%). Il colpo d’acceleratore di deve anche al gap che l’Italia scontava in termini di presenza online rispetto alla stragrande maggioranza dei Paesi UE.

Il commercio fisico

Eppure, al negozio fisico non si rinuncia. Nemmeno in epoca Covid-19. Sei italiani su 10 hanno comprato in store quest’anno e continueranno a farlo. Ma, a prescindere da online o offline, cresce la volontà di acquistare da imprese locali e indipendenti (lo ha fatto il 34% degli italiani, per lo più i giovani). Ancora una volta, il trend è guidato dai consumatori più giovani: il 45% dichiara di essere più propenso a comprare da business indipendenti e scopre prevalentemente nuovi prodotti grazie ai social media (gli over 55 a farlo sono il 25%). Tra le motivazioni: il passaparola tramite social appunto (45%), la possibilità di scoprire nuovi prodotti (34%) e l’opportunità di supportare l’imprenditorialità con i propri acquisti (31%).

4 i macro trend del 2021

La pandemia ha fatto fare al commercio un salto in avanti di 10 anni. Attraverso l’analisi dei dati di questa forte accelerazione, Shopify ha sintetizzato in 4 punti cosa aspettarsi dal futuro. Previsioni di cui gli imprenditori – dai più piccoli ai più grandi – dovranno tener conto per affrontare il cosiddetto next normal.

  1. I giovani cambieranno il panorama imprenditoriale. Come visto, sono proprio loro la forza trainante della crescita irreversibile dell’e-commerce nonché i consumatori che più hanno modificato le proprie abitudini di acquisto incrementando la spesa online. Ed è per questo che cambieranno il modo in cui operano i brand. Per far fronte alle nuove esigenze, infatti, i brand dovranno adottare una strategia all’insegna dell’omnicanalità e rafforzare la propria presenza sui social, ovvero dove le persone vogliono acquistare.
  • Il negozio fisico si trasformerà. Con vantaggi per le imprese locali. Funzionalità ed esperienze omnichannel daranno vita a una nuova concezione di store e, in epoca Covid- 19, permetteranno alle attività imprenditoriali di intercettare il target locale di consumatori.
  • I consumatori sono oggi più che mai propensi a comprare da attività indipendenti. Ed esprimono con forza questo desiderio. Seppur facciano ricorso ai marketplace per comodità. Il gap potrà essere colmato dai brand indipendenti rafforzando la propria presenza, migliorando e velocizzando l’esperienza di acquisto.
  • I consumatori compreranno sempre di più tenendo conto della propria sfera valoriale e quindi premieranno quei brand che sapranno dimostrare autenticità, trasparenza e responsabilità. Segnando una crescita dell’interesse verso realtà locali e sostenibili.

I retailer? Lacali, indipendenti e sostenibili

“L’emergenza Covid-19 ha accelerato la digitalizzazione di piccole aziende e negozi che non avevano mai venduto online dando vita al concetto di e-commerce di prossimità, un canale di vendita digitale che non sostituisce ma integra il negozio retail – commenta Paolo Picazio, Head of Market Development di Shopify -. Lo dimostrano i dati della ricerca: 6 italiani su 10 affermano di voler sostenere le imprese locali, soprattutto i giovani, anche se solo la metà di essi ha realmente effettuato un acquisto. In altre parole: c’è ancora tanto da fare, ma siamo sulla buona strada”.

Non solo. La sostenibilità non è mai stata così attraente. Il 67% degli italiani dichiara di preferire prodotti green o sostenibili. Soprattutto le donne (73%), ma è buona anche la percentuale di uomini (61%). Il 60% vorrebbe invece poter donare a una causa benefica con ogni acquisto.

Seppur lo store fisico rimanga un punto di riferimento – soprattutto per la fascia over 55 che è più propensa ad acquistare di persona (66% contro il 55% della fascia 18-34 anni e il 56% della fascia 35-54 anni) – subirà una trasformazione. Oggi, i consumatori si aspettano dall’acquisto in store più tecnologia e connettività. Un esempio: la soluzione click & collect piace sempre di più (così come i pagamenti cashless). La percentuale di utilizzo non è ancora alta (15%) ma è in crescita. Soprattutto tra i più giovani (21%). Ed è una tendenza destinata a durare.

Giulia Arrigoni

Giornalista specializzata sul mercato bricolage e le tendenze del settore fai-da-te e decorazione della casa. Ha collaborato con le più importanti riviste specializzate.



© SAGA s.r.l.
Ogni diritto sui contenuti è riservato ai sensi della normativa vigente. I contenuti di www.diyandgarden.com non possono, neppure in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto della società SAGA srl.

In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato
sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email


Privacy policy