• eng
    Ten International
  • ita
    Ten italiano
  • logo bricoliamo
    Magazine DIY
    per la famiglia
  • logo saga
Ten: DIY and Garden

icona produzione Wolfcraft, Holger Placke nuovo CSO


Holger-Placke, Wolfcraft
Holger-Placke, Wolfcraft

Dopo l’ingresso della terza generazione, con Annette e Sabine Wolff un ulteriore passo è stato quello di affidare le redini delle Vendite, a livello mondiale, ad Holger Placke sostituendo nel ruolo Reinhard Wolff.

L’azienda tedesca, gestita dai fratelli Thomas e Reinhard Wolff, continua la sua politica volta a rafforzare il proprio futuro organizzativo anche alla luce della forte crescita di questi anni e del fatto che Thomas alla fine del 2022 e Reinhard a fine 2023 lasceranno i loro ruoli solo dal punto operativo, per mantenere sempre il comando dell’azienda, in una posizione consultiva e alla guida di importanti progetti, ad esempio DTC (opportunità della digitalizzazione) e marketplaces.

Holger Placke è stato, sino al nuovo incarico, il Country Manager dell’Europa Centro Orientale e Sud Orientale, una ampia zona composta da 30 Paesi, dalla Svizzera all’Austria, Polonia, Ungheria, Ucraina, Romania, Grecia…… con quasi 185 milioni di abitanti (Russia esclusa).

Holger è entrato come CSO (Chief Sales Operation) nel nuovo Board di Management Wolfcraft. Ho intervistato questo giovane manager (a 53 anni è assolutamente giovane), che conosco da più di 20 anni e apprezzo molto per la competenza, la professionalità e la grande umanità.

Congratulazioni per il prestigioso incarico. Raccontaci un po’ di te, della tua formazione e della tua famiglia
Dopo un liceo tecnico mi sono iscritto all’università di Vienna nel 1989 e ho ottenuto un Master in Scienze Politiche nel 1994. Ho lavorato per 6 anni in 2 aziende austriache come Direttore Generale delle loro filiali nella Repubblica Ceca per entrare alla Wolfcraft nel 2000 come Key Account Manager e diventarne responsabile nel 2004. Sono sposato con Gita, originaria della Repubblica Ceca, che ho conosciuto a Praga e ho 5 figli, 4 maschi dai 23 agli 8 anni e l’ultima arrivata Emma di 6 anni (la sua Principessa….)

Il tuo lavoro aumenta notevolmente
Solo temporaneamente mantengo la guida della zona Centro Orientale e Centro Meridionale, sino all’entrata di un nuovo Country Manager. Lavorerò comunque da Vienna, recandomi 2-3 volte al mese al Quartier Generale di Kempenich in Germania. La pandemia ci ha insegnato l’uso delle videoconferenze, che ritengo pratiche ed indispensabili e che utilizzeremo moltissimo, sia con la Sede, che con tutte le Filiali che ora dipendono da me, con ottimi Manager che conosco da molti anni. Sono sempre stato abituato a viaggiare molto, avendo responsabilità su così tanti Paesi e non sono preoccupato per la nuova posizione, da questo punto di vista.

E sei anche parte del management
Vero. Sicuramente mi aspetta un anno intenso con ben 3 funzioni. Come capo dell’area che ho già gestito, stiamo incrementando lo staff e delegando responsabilità in attesa di un nuovo Country Manager. Nel coordinare l’attività di vendita, puntiamo sul KPI (Key Performance Indicators – Indicatori/misuratori del processo aziendale) e in un mercato molto complesso, difficile e volatile dobbiamo essere sempre previdenti e anticiparne i mutamenti. La nostra massima attenzione è sul cliente finale e sulla clientela, la digitalizzazione e l’innovazione, che ha sempre contraddistinto Wolfcraft. Con il Board portiamo avanti la transizione tecnologica e di cultura aziendale per le nuove generazioni di impiegati e manager.

Approfitto della tua grande conoscenza di questo mercato per chiederti della situazione nei Paesi toccati dalla Guerra in Ucraina
Tra effetto della guerra, principalmente coi profughi, e poi con aumento dei costi di carburanti ed energia, la situazione è peggiorata particolarmente in Polonia, Romania e Moldova. Sono drasticamente cambiate le priorità di spesa. In Ucraina tutte le attività si sono fermate a febbraio e sono in alcune zone sotto controllo del Paese, sono riprese parzialmente in estate. Abbiamo fermato ogni vendita in Bielorussia e Russia. Dopo la quasi paralisi, in generale le vendite sono riprese, ma è impensabile immaginare a breve un ritorno ai livelli precedenti, considerando che erano tutti mercati in forte espansione.

Cosa mi dici del mercato europeo DIY 2022 e del 2023?
Un anno su cui si possono spendere vari aggettivi, da strano a inaspettato (chi poteva pensare ad una guerra in Europa!) ad altalenante (prezzi energetici su…prezzi giù) Un inizio molto positivo, cui sono seguiti mesi negativi a causa della guerra e della conseguente crisi economica ed energetica. Non dobbiamo fare confronti con anni come 2020 e 2021 con un mercato trascinato dallo tsunami “positivo” della pandemia. Dobbiamo pensare ad una correzione necessaria e confrontarci col 2019. Per il 2023 siamo moderatamente ottimisti. Ovvio che incrociamo le dita per una risoluzione pacifica del conflitto in tempi brevi e speriamo che le “sorprese” siano terminate, tornando ad una certa normalità e regolarità. Riteniamo che il periodo di lockdown abbia avvicinato al DIY fasce di giovani, che mai avrebbero pensato all’home improvement, al giardino, con problemi che la reclusione ha portato a gestire. Hanno provato piacere e soddisfazione in queste attività e considerata anche la necessità di risparmiare e la mancanza di artigiani, riteniamo che siano un mix di condizioni favorevoli per il DIY.


Board Wolfcraft da sinistra: Bernd Weber (Finanza e Amministrazione), Reinhard Wolff, Martin Kraus (Produzione e Logistica), Thomas Wolff, Holger Placke (Vendite), Stefan Weigel (Marketing)


© SAGA s.r.l.
Ogni diritto sui contenuti è riservato ai sensi della normativa vigente. I contenuti di www.diyandgarden.com non possono, neppure in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto della società SAGA srl.

In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato
sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email


Privacy policy