• eng
    Ten International
  • ita
    Ten italiano
  • logo bricoliamo
    Magazine DIY
    per la famiglia
  • logo saga
Ten: DIY and Garden

Tornando da Valencia (Eurobrico)



A prima vista la visita ad Eurobrico, la Fiera Internazionale del Bricolage, che ha tenuto la 9° edizione a Valencia, può lasciare un po’ perplessi. L’affluenza è continua ma, non c’è calca, non c’è la kermesse che uno si aspetta e, gli unici momenti di grande concentrazione di persone è data dalle scolaresche che – sì, avete capito bene, proprio scolaresche e una volta si faceva anche da noi – vengono portate in visita alla manifestazione.

Nella realtà una manifestazione come Eurobrico è in grado di dare – a noi italiani – più di uno spunto di riflessione. Intanto è lo specchio di una situazione, quella spagnola, molto favorevole per il mercato dell’home improvement che, secondo le dichiarazioni di Fernando Colorado, Gerente dell’ADFB (Asociacion de Distribudores de Ferreteria y Bricolage) dovrebbe attestarsi, per fine 2016, vicino ad un +9%. Una percentuale molto positiva che, pur se ridimensionata dal recupero della flessione registrata negli anni di crisi, si andrebbe a consolidare intorno ad un +5% di crescita reale.

Lo stato di positivo ottimismo si riflette sulla manifestazione, che ha visto aumentare il numero degli espositori del 10% (quest’anno 400) e quello dei visitatori che, secondo le stime, dovrebbe essersi chiuso con un incremento del 15%. Non ultimo i commenti che ho raccolto circa l’efficacia commerciale della manifestazione sono, nella maggior parte dei casi, stati positivi.

Per César Navarro, presidente de AFEB, Asociación Fabricantes de Bricolaje y Ferretería “ questa edizione è stata marcata da un fermento commerciale rispetto alle scorse edizioni”. Inoltre, “si respirava ottimismo e voglia di fare, anche a breve termine. Una situazione in grado di porre il mercato spagnolo all’attenzione dell’Europa e la manifestazione come evento internazionale”.

Il commento della “controparte”, la distribuzione, è arrivato da Guillermo Leal, consigliere delegato di ATB Centros de Bricolaje e presidente di ADFB, Asociación de Distribuidores de Ferretería y Bricolaje. Secondo a sua dichiarazione “Eurobrico 2016 è stata un’edizione intensa dove si è concentrato l’80% di ciò che serve alle insegne e definendola una fiera di “canale”.

Il secondo spunto di riflessione è che Eurobrico è una manifestazione che si rivolge alla moderna distribuzione e, all’interno di questa definizione, non ci sono sole le insegne del bricolage, ma anche il dettaglio tradizionale – le ferramenta – che, in Spagna, si ritrovano, molto frequentemente, riunite in cooperative. E queste realtà in fiera vengono e partecipano, un sogno rispetto alla grande fatica che si fa, in Italia, a far muovere la distribuzione. Vero è che ad Eurobrico le associazione dei produttori e della distribuzione sono fortemente coinvolte, ma poi sappiamo che è sempre la volontà à dei singoli ad incidere in modo significativo.

Non solo, alcune erano presenti come espositori (e fin qui niente di speciale) e, con altre l’organizzazione ha realizzato dei laboratori – Leroy Merlin e Briconatur – rivolti ad operatori ma anche a studenti e bambini. L’ho trovato un interessante tentativo per coinvolgere le nuove generazioni e avvicinarle alla pratica del bricolage.

Gli eventi collaterali. Organizzati dall’AFDB, li definirei presenti ma non “ingombranti”, nel senso di penalizzanti nei confronti dell’esposizione, o viceversa. Appuntamenti di breve durata (30 o 45 minuti al massimo) su tematiche diverse, dalle più classiche a quelle di maggiore tendenza (dati di mercato, consumatore, digitalizzazione, omnicanalità), con affluenza costante e numerosa.

Infine, le persone (espositori e visitatori). Eurobrico è una manifestazione rivolta all’operatore, figura che, in Italia, quanto meno nel nostro settore, è per lo più maschile, con un’età media piuttosto elevata. A Valencia, al contrario c’è veramente di tutto e i giovani e le donne sono numerosi. Non nego che la cosa mi abbia colpito, soprattutto vederli sul palco in qualità di relatori; alcuni davvero molto giovani, ma con grande entusiasmo e determinazione.

Il commento di Fernando Colorado, Gerente dell’ADFB (Asociacion de Distribudores de Ferreteria y Bricolage).

 

Giulia Arrigoni

Giornalista specializzata sul mercato bricolage e le tendenze del settore fai-da-te e decorazione della casa. Ha collaborato con le più importanti riviste specializzate.



© SAGA s.r.l.
Ogni diritto sui contenuti è riservato ai sensi della normativa vigente. I contenuti di www.diyandgarden.com non possono, neppure in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto della società SAGA srl.

In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato
sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email


Privacy policy