• eng
    Ten International
  • ita
    Ten italiano
  • logo bricoliamo
    Magazine DIY
    per la famiglia
  • logo saga

In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email

La newsletter di Ten

Privacy Policy

Ten: DIY and Garden

Spagna. Centri brico e boom di vendite alla riapertura


Con una parziale e progressiva apertura sul territorio nazionale, il settore chiude il mese di maggio con un fatturato inferiore di solo il 2,9% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso.

La riapertura dei negozi di bricolage con l’inizio generalizzato progressiva riapertura, a partire dalla seconda settimana di maggio, ha ammortizzato l’impatto della crisi di COVID-19 sul settore. Secondo i dati dell’AECOC, il fatturato dei distributori a maggio – con una parziale e progressiva apertura per territorio – è diminuito del 2,96% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, il che rappresenta un forte recupero rispetto ai cali del 9,3% registrati nel primo trimestre dell’anno – con l’inizio del confino a marzo – e del 75,4% ad aprile, quando i negozi sono rimasti chiusi per l’intero mese.

I grandi negozi di ferramenta e i centri bricolage sono stati i più performanti, passando da un calo dell’81,4% in aprile a un calo dello 0,6% del fatturato nel mese di maggio. D’altra parte, i negozi tradizionali hanno ridotto il loro fatturato del 49,6% in aprile e hanno diminuito al minimo le perdite in maggio del 3,3%.

Oltre alle buone performance del canale online e di altre formule di vendita promosse dai distributori fin dall’inizio del confino, i cambiamenti nelle abitudini di consumo hanno favorito i buoni dati di maggio. La necessità di limitare le visite al negozio ha fatto sì che i rapporti di conversione in vendita per visita si siano moltiplicati e che il biglietto medio per acquisto sia cresciuto.

“Dall’inizio della riapertura dei negozi, la categoria del giardinaggio ha mostrato una crescita a tre cifre, anche perché la sua campagna inizia di solito a marzo e i consumatori hanno dovuto rinviare i loro acquisti, ma anche il resto delle famiglie di prodotti stanno registrando aumenti a due cifre, il che sta portando il settore ai record storici di fatturato”, sottolinea il responsabile dell’area hardware e fai da te di AECOC, Alejandro Lozano.

Lozano sottolinea, infatti, che la principale preoccupazione del settore, allo stato attuale, è quella di garantire lo stock dei prodotti più richiesti a fronte di un aumento della domanda senza precedenti. Questo problema riguarda principalmente il settore, che si trova ad affrontare la sfida di riattivare la produzione con risorse proprie, che sono state notevolmente ridotte a seguito dell’impatto della crisi COVID-19: tensioni di cassa e carenza di personale e di materie prime.

Rientro alla normalità?

Lozano ritiene che, se si mantiene l’attuale tasso di vendita, il settore potrebbe chiudere il primo semestre dell’anno con perdite accumulate tra lo 0% e il 5%. “La previsione è che le vendite continueranno ad essere molto elevate fino a luglio e che in agosto la situazione tornerà alla normalità”.

Il settore è tuttavia più cauto sulle previsioni per la seconda metà dell’anno. “Dobbiamo tenere conto delle conseguenze della crisi: come sarà colpito il tessuto imprenditoriale, quale sarà l’entità della distruzione di posti di lavoro dopo l’estate e come questo avrà un impatto sull’economia nazionale e sulla fiducia dei consumatori saranno alcune delle chiavi che segneranno la seconda metà del 2020″, dice Lozano.

Nel canale professionale, la crisi ha avuto un effetto minore perché i contratti per i lavori e le riforme sono stati firmati prima dell’inizio del blocco. “La questione è quale sarà la prospettiva una volta completate le attività attualmente in corso.

Crescita online

Tra le poche certezze che il settore ha per il futuro c’è il ruolo crescente che il canale online giocherà nelle sue vendite, che prima del Covid-19 rappresentava tra il 6% e il 10% e che a marzo ha rappresentato circa l’80% del fatturato totale.

“La crisi ha agito da catalizzatore per la digitalizzazione del settore. Le previsioni indicano che il canale online acquisirà un grande peso in relazione alle quote di mercato pre-COVID e che molte delle tendenze adottate durante il lockdown si consolideranno”, sottolinea Lozano.

© SAGA s.r.l.
Ogni diritto sui contenuti è riservato ai sensi della normativa vigente. I contenuti di www.diyandgarden.com non possono, neppure in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto della società SAGA srl.

In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato
sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email


Privacy policy