• eng
    Ten International
  • ita
    Ten italiano
  • logo bricoliamo
    Magazine DIY
    per la famiglia
  • logo saga
Ten: DIY and Garden

2020: un anno insolito per il mercato francese del fai da te


La FMB / Fédération des Magasins de Bricolage e INOHA / l’Association des Industriels du Nouvel Habitat hanno presentato lo studio realizzato sul mercato del bricolage 2020, in Francia. Notevole la quota ecommerce.

Mentre i primi due mesi del 2020 mostrano una progressione del mercato del bricolage nella continuità di quello del 2019 (+3,4% del suo fatturato rispetto al 2018), la crisi sanitaria ha rotto questa dinamica durante il primo confino. Tuttavia, da maggio in poi, il mercato del fai da te ha registrato una crescita a due cifre, beneficiando dell’entusiasmo dei francesi per il miglioramento delle loro case, un rifugio sicuro in questi tempi di pandemia. Questa tendenza di fondo che va oltre il recupero, il mercato del fai da te raggiungerà, nel 2020, un fatturato di 31 miliardi di euro, cioè un aumento del 13% rispetto al 2019, tutti i canali combinati.

Il mercato del fai da te nel 2020: un boom eccezionale nonostante il contesto difficile e l’interruzione causata dal primo blocco

Nonostante i primi due mesi dell’anno segnati dalla continuazione degli scioperi (Gilets Jaunes), il mercato del fai da te ha continuato a crescere. La prima serrata di marzo-aprile, con la chiusura di parte dei negozi di bricolage e le restrizioni di viaggio, ha causato un calo significativo delle vendite (tra il -50% e il -60%) e ha fermato questa dinamica. A partire da maggio, gli aumenti a due cifre delle vendite riflettono una tendenza fondamentale che va oltre il recupero. Infatti, confinati, i francesi hanno avuto il tempo di godersi il loro habitat, di apprezzarne i difetti e di considerarne la riorganizzazione per le esigenze del telelavoro o semplicemente per vivere meglio insieme. Per alcuni, l’attività parziale ha liberato del tempo che hanno usato per migliorare le loro case o per intraprendere lavori che erano stati rimandati per mancanza di tempo.

Una svolta nel commercio elettronico

La crisi sanitaria ha ovviamente favorito le vendite online, rafforzando logicamente i pure player (+84%). Tuttavia, i centri brico hanno orchestrato e sviluppato il loro approccio omnichannel, come dimostra la forte crescita delle loro vendite online (+111%).

Questa crisi ha cambiato la struttura del mercato. Questo ha portato a:

  • la continua predominanza dei negozi di bricolage (70% delle vendite a valore, in leggero calo),
  • la crescita dei pure player (14% del valore PDM) e dei supermercati (3% del valore PDM),
  • la stabilità del commercio (13% del valore PDM, in leggero calo).

Va notato che, con una quota di mercato del 3%, le vendite online delle insegne del bricolage rappresentano ormai un canale di distribuzione a sé stante.

2020: dinamismo per quasi tutti i reparti con una forte mania per gli strumenti e la vernice

Nel 2020, quasi tutti i reparti beneficeranno del dinamismo del mercato, ad eccezione del riscaldamento (+3%), penalizzato dalle temperature miti.

I grandi vincitori sono senza dubbio il reparto Utensilieria (+28%), beneficiando dell’arrivo sul mercato di nuovi fai da te, e le Vernici (+22%) che, dopo 3 anni di erosione, è esplosa nel 2020. Sono seguiti da Ferramenta (+20%) e Decorazione (+16%), spinti dalla corsa alla carta da parati. Queste cifre riflettono l’entusiasmo dei francesi per i lavori di ristrutturazione e di abbellimento degli interni, che sono tra i più accessibili.

Anche il reparto Legno & Falegnameria (+6%) registra un’ottima crescita, che si spiega in parte con l’aumento del telelavoro e la necessità di creare spazi adeguati (disposizione degli uffici, scaffalature, ecc.). Il settore dell’Edilizia (+6%) ha beneficiato dell’aumento delle competenze degli appassionati di bricolage.

I reparti Idraulica/Bagno/Cucina (+9%) ed Elettrico (+11%) stanno vivendo una crescita più moderata. I francesi non sembrano aver dato la priorità all’allestimento di queste stanze, che richiedono grandi lavori tecnici. Per estensione, anche se il reparto Rivestimenti (+5%) è in crescita, ha sofferto del meno dinamico bagno e cucina.

Il reparto Giardino (+14%) ha beneficiato del tempo molto favorevole durante il periodo di blocco primaverile, che si è riflesso in particolare nelle cifre di vendita dei mobili da giardino e delle piscine.

2021: prospettive incoraggianti

Tenendo conto in particolare dei risparmi dei francesi (200 miliardi di euro), della politica governativa a favore del rinnovamento energetico degli edifici, del comportamento dei nuovi fai-da-te e dell’aumento delle transazioni immobiliari nel vecchio, l’anno 2021 lascia prevedere prospettive incoraggianti per il mercato. Tuttavia, anche se il contesto è favorevole, la visibilità per la seconda metà dell’anno rimane estremamente bassa a causa delle prospettive economiche incerte (conseguenze Covid-19, carenza di materie prime, ecc.).

“Sono molto soddisfatto di questo anno eccellente, che è stato reso possibile dall’agilità, dalla reattività e dalla perseveranza dei produttori, così come dal dialogo costruttivo con i dettaglianti per soddisfare la domanda estremamente forte dei consumatori. Sono fiducioso nel futuro perché i francesi fanno delle loro case un rifugio sicuro, una fonte di benessere, e so che l’industria è impegnata ad essere lì per loro”, ha dichiarato Jean-Luc Guéry, presidente di Inoha.

Per Mathieu Pivain, presidente della FMB, “il 2021 è un anno eccezionale, che è stato un’opportunità per i negozi di bricolage di rafforzare la loro presenza nelle vendite online e di consolidare il loro predominio nel mercato del fai da te. Questo è stato possibile soprattutto grazie al riconoscimento della natura essenziale dei negozi di bricolage e al consolidamento con successo della loro natura omnichannel. La sfida di oggi, con la fine della crisi sanitaria, è quella di continuare a fornire il miglior supporto possibile ai francesi nei loro progetti di miglioramento della casa, e di rispondere alle sfide dell’economia circolare e della lotta al cambiamento climatico.

Le tabelle qui riportate sono solo un piccolo esempio di quanto contenuto nello studio che, per la ricchezza di informazioni, vi alleghiamo qui sotto, consigliandovi di leggerlo. Certamente il mercato francese è differente da quello italiano ma diversi sono gli spunti interessanti e le tendenze presentano molti punti in comune.



Giornalista specializzata sul mercato bricolage e le tendenze del settore fai-da-te e decorazione della casa. Ha collaborato con le più importanti riviste specializzate.

© SAGA s.r.l.
Ogni diritto sui contenuti è riservato ai sensi della normativa vigente. I contenuti di www.diyandgarden.com non possono, neppure in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto della società SAGA srl.

In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato
sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email


Privacy policy