• eng
    Ten International
  • ita
    Ten italiano
  • logo bricoliamo
    Magazine DIY
    per la famiglia
  • logo saga

In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email

Iscrizione Newsletter

Ten Newsletter

Dichiaro di essere al corrente sui termini della privacy policy

Ten: DIY and Garden

icona distribuzione Sciopero del 22 dicembre, adesione al 4,3%


L’adesione allo sciopero di oggi risulta del 4,3%. Una percentuale inferiore rispetto all’ultima agitazione sindacale di maggio 2016, che aveva registrato un 6,5% di adesione. Questi i dati rilasciati da Federdistribuzione che ha altresì segnalato di non aver avuto segnalazione di punti vendita chiusi.

“Nonostante la lentezza delle trattative per la conclusione del contratto del settore, i lavoratori hanno dimostrato un comportamento responsabile – dichiara Giovanni Cobolli Gigli, Presidente di Federdistribuzione – La percentuale di adesione, inferiore rispetto a quella delle precedenti manifestazioni sindacali, è per noi un segnale importante”.

“Abbiamo convocato lo scorso mese di marzo e di nuovo a giugno le organizzazioni sindacali per concludere le trattative del Contratto Collettivo Nazionale della Distribuzione Moderna Organizzata, ma Filcams e Uiltucs si sono rifiutati di incontrarci. Ribadiamo che vogliamo un contratto per i nostri collaboratori, ma dobbiamo trovare soluzioni equilibrate per imprese e lavoratori, tali da non pregiudicare l’occupazione di un settore già messo a dura prova da anni difficili”.

“La pretesa dei sindacati di sottoscrivere il medesimo contratto di Confcommercio è inaccettabile per le evidenti differenze esistenti tra le grandi aziende associate a Federdistribuzione e quelle del dettaglio tradizionale rappresentate da Confcommercio”.

“Nell’attesa di un approccio costruttivo da parte delle organizzazioni sindacali prosegue il Presidente di Federdistribuzione – abbiamo comunque tutelato i nostri collaboratori erogando aumenti retributivi unilaterali che hanno ampiamente salvaguardato il potere d’acquisto dei lavoratori. E’ pertanto evidente che la posizione di Federdistribuzione è da sempre chiara e coerente”.

“Il nostro auspicio è che il dialogo possa riavviarsi per arrivare in tempi brevi a un risultato positivo per lavoratori e imprese”  ha concludso Cobolli Gigli.