• eng
    Ten International
  • ita
    Ten italiano
  • logo bricoliamo
    Magazine DIY
    per la famiglia
  • logo saga

In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email

La newsletter di Ten

Privacy Policy

Ten: DIY and Garden

icona distribuzione Leroy Merlin Roma Salaria, il negozio cittadino. Video e foto



Il nuovo punto vendita Roma Salaria è situato in via Salaria, 665 e si inserisce all’interno del nuovo centro commerciale ricavato dalla ristrutturazione di un immobile commerciale già conosciuto dai romani per la presenza di una concessionaria storica. Due le novità relative all’ubicazione: Leroy Merlin fa un bel salto all’interno del GRA e per la prima volta entra in un centro commerciale. O, meglio, per entrare  nel punto vendita è necessario accedere all’interno del centro commerciale, perchè il centro brico non è dotato di ingresso indipendente (come in altri due casi).

“Siamo orgogliosi di inaugurare il punto vendita di Roma Salaria, dopo tre anni dal nostro ultimo negozio di Torino Giulio Cesare e dopo ben 12 anni dall’ultima apertura nella capitale”, ha dichiarato Leonardo di Donna, direttore regionale Roma e Palermo di Leroy Merlin. “Il nostro bacino di utenti è composto da oltre 500.000 famiglie con il terzo reddito medio più alto d’Italia”.

Il negozio si sviluppa su due piani che, di solito, non è propriamente il massimo per un distributore, tuttavia va detto che qui, al contrario, la suddivisione per piano diventa quasi un plus. Intanto è stata fatta bene, e poi perchè il negozio di Roma Salaria presenta due anime ben distinte: come ben ha specificato il direttore del punto vendita Riccardo de Carolis, si tratta di un “ibrido” dove vengono a unirsi tutte le sperimentazione fatte, finora, dall’insegna francese.

L’area tecnica al piano terra, con le classiche famiglie merceologiche del centro bricolage e lo show room al primo piano: un’innovazione per Leroy Merlin i cui showroom sono solitamente costruiti in prossimità dei punti vendita ma non integrati al loro interno, come nel caso di Corsico (MI), Lissone (MB), Pescara e Udine.

Come abbiamo già avuto modo di scrivere il negozio ha una superficie  di vendita di 7.500 mq. Di questi ben 4.000 sono occupati al piano superiore, dall’area show room. Due gli accessi dal piano terra e uno al piano superiore. Da segnalare anche l’accesso diretto mediante ascensore. Due le postazioni di casse fai da te, una per piano, mentre la barriera casse classica è posizionata al piano terra. Da segnalare l’utilizzo della lunga vetrina su entrambi i piani, completamente aperte che consentono luminosità e danno al cliente del centro commerciale la possibilità di un colpo d’occhio sull’offerta. Non solo anche le aree destinate ai corsi sono posizionate in vetrina per rendere ulteriormente chiara la mission dell’insegna.

Il percorso è idealmente perimetrale, tuttavia, non ci sono vincoli e il cliente può agevolmente e velocemente passare da un reparto all’altro molto facilmente, grazie anche ad una cartellonistica molto chiara. In termini espositivi se il piano terrà si presenta in maniera più standard, lavorando anche in altezza, il primo piano, predilige lineari più bassi che consentano la visione completa del puto vendita.

Il piano terra

L’area tecnica del piano terra, una volta superata l’area promozionale all’ingresso, si apre con i reparti perimetrali dedicati ad elettricità e idraulica, comprensivi di area Cantiere. proseguono nell’ordine ferramenta, sistemazione, legno e giardino. Nell’area centrale riscaldamento/condizionatori, utensileria, vernici, edilizia e ancora giardino. Tre le zone di servizio: duplicazione chiavi, tintometro e taglio legno.

Due le note: per quanto riguarda l’esposizione degli elettroutensili, personalmente l’ho trovata un po’ troppo alta: è vero che ciò consente una disponibilità di prodotto maggiore, ma per prendere in mano i singoli prodotti mi sono dovuta sforzare un pò (lo, so, non sono molto alta, ma penso che il mio 1,64 sia da ritenersi nella media, almeno quella femminile). La seconda riguarda il reparto legno dove è stato privilegiato un assortimento più rivolto al bricolage rispetto a quello da costruzione, più idoneo ad un punto vendita cittadino.

Il reparto giardino ha “costretto” gli uomini di Leroy Merlin ad uno sforzo ulteriore. Abituati ai grandi spazi del consueto big box, qui l’assortimento è stato compresso in 580 mq, privilegiando il giardinaggio da balcone e terrazzo. Il reparto, in particolare quello del verde vivo, si affaccia direttamente sulla vetrina (peraltro uscendo c’è Maison du Monde in una sorta un continuum complementare).

Data l’ubicazione del negozio, gli elementi strutturali sono differenti rispetto al formato classico Leroy Merlin. Su tutti i soffitti più bassi. L’esposizione è organizzata in modo da rendere veloce  l’acquisto da parte del cliente, grazie anche ai numerosi corridoi “di fuga” che portano direttamente in barriera casse.

Il primo piano

La grande novità si sviluppa al piano superiore, con 4.000 mq di showroom, con un’esperienza d’acquisto integrata e più ispirazionale, finalizzata alla realizzazione di progetti con il supporto dei consulenti. A cominciare dall’ambientazione differente: illuminazione specifica e soffitto scuro.

Il piano, che si apre in una sorta di “piazza”, trova subito l’ampia area decorativa. In particolare segnaliamo la prima area merceologica che si trova appena arrivati al primo piano. Si tratta dell’area dedicata al tessile, denominata Boutique Deco, particolarmente curata, con zona dedicata a laboratori e atelier creativi. Molto elevata la vocazione alla personalizzazione, la creazione “su misura” di prodotti e manufatti. Di fronte l’area bagno che richiama alla vocazione show room.

La seconda area merceologica in evidenza è la piastra dedicata all’illuminazione. Molto ampia, immersiva, disposta su quasi 1.100 mq di superficie espositiva. Successivamente si entra nell’Area Progetto/Show Room, passando prima per il reparto sistemazione dove troviamo, per la prima volta, un ulteriore passo avanti nell’esposizione della cabina armadio (ne è stata realizzata una con pareti in vetro).

Dell’area Show Room fanno parte tutte le merceologie già viste negli esempi stand alone. Cucine (in zona sono presenti circa 10 mila posizioni Airbnb), finestre, porte, rivestimenti e bagno nella sua accezione più completa. Tra le novità in assortimento: prodotti per realizzare verande in vetro sui balconi, piastrelle di grandi dimensioni. Da segnalare anche il differente posizionamento del prodotto maniglia nell’area consulenza, in modo da offrire la vendita assistita.

Il primo piano si chiude con un’ampia area dedicata alla consulenza Area Progetto e l’aula corsi, entrambe ben visibili dalla vetrina.

In linea di massima qui, dato il bacino d’utenza, l’assortimento è stato composto puntando, più che in altri negozi, su prodotti che offrono maggiore qualità e uno scontrino più alto, mantenendo sempre l’accessibilità delle categorie merceologiche. In generale c’è un tema di messa in situazione del prodotto e su alcune famiglie qui è possibile trovare proposte innovative. In ogni caso, come per tutti i punti vendita della rete, il catalogo completo dei prodotti è sempre disponibile.

Nell’intenzione di farsi community, il negozio di Roma Salaria proporrà corsi ed eventi, che spazieranno dall’area progetto e decorazione all’area giardino e bricolage tenuti dai consulenti di vendita Leroy Merlin, ma anche da influencer.

“Con l’apertura di questo nuovo punto vendita saremo in grado di rispondere, in modo più puntuale, a tutti i bisogni della clientela, grazie anche all’ampia scelta di prodotti che metteremo in vendita” ha commentato Riccardo De Carolis, direttore del punto vendita Roma Salaria. “Le diverse ambientazioni d’ispirazione saranno uno dei nostri punti di forza, attraverso le quali creeremo delle suggestioni che il cliente sarà in grado di riprodurre e personalizzare all’interno della propria casa, anche grazie alla nostra squadra dedicata alla ristrutturazione che saprà consigliare e progettare soluzioni di qualità, che rispettino ogni esigenza.”

” Il nostro obiettivo è quello di diventare anche un luogo di aggregazione nel quartiere, dove le persone possano svolgere delle attività ricreative.  – prosegue Leonardo Di Donna -. Abbiamo formato una squadra composta da 170 nuove figure professionali con una forte predisposizione alle relazioni e che siano in grado di anticipare i bisogni della clientela per rendere l’esperienza di acquisto quanto più soddisfacente e fluida possibile.”

 

Giulia Arrigoni

Giornalista specializzata sul mercato bricolage e le tendenze del settore fai-da-te e decorazione della casa. Ha collaborato con le più importanti riviste specializzate.

© SAGA s.r.l.
Ogni diritto sui contenuti è riservato ai sensi della normativa vigente. I contenuti di www.diyandgarden.com non possono, neppure in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto della società SAGA srl.