In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email

Ten: DIY and Garden

icona distribuzione GDS brico, migliorano i margini ma la redditività è in calo


Questo, almeno, è quanto emerge dal Rapporto dedicato alla distribuzione del bricolage. La società Competitive Data, guidata da Giandomenico De Franco, amministratore unico,  ha completato e reso disponibile, come ogni anno, l’analisi dei bilanci delle prime 175 società di capitali appartenenti al settore della Distribuzione di Prodotti per Bricolage, per il triennio 2014-2016.

Ricavi in aumento

I ricavi complessivi registrano una crescita del 5,8% nel 2016, con il Centro che registra la crescita più sostenuta (+6,7%), seguito dalle regioni del Nord Ovest (+6,2%), e dal Nord Est (+4,2%), sostanzialmente stabile invece Sud e Isole con una lieve crescita dello 0,1%. A livello regionale la regione Lazio mostra la crescita maggiore, +10,4%, mentre invece la regione Val d’Aosta registra una flessione del 17,6%. Se guardiamo all’EBITDA le variazioni sono ancora più marcate con le regioni del Nord Ovest che registrano un aumento del 21,5%, seguite dalle regioni del Nord Est con una crescita del 10,8%, più distanziate le regioni del Centro con un aumento del 4,3%, mentre le regioni del Sud e Isole segnano una flessione del 5,28%. Raggruppando le aziende per classi di fatturato otteniamo una crescita maggiore nel cluster di fatturato superiore ai 30 milioni di euro, con +6,4%, seguite da una variazione positiva del 5,6% dalle aziende con fatturato compreso tra 10-30 milioni di euro, sono in leggera crescita (+0,7%) le aziende con fatturato inferiore ai 10 milioni di euro.

Crescono gli utili e diminuiscono le aziende in perdita

Per quando riguarda gli utili, il dato cumulato del 2016 è di 133.981.000 euro, con un aumento del 66,6% rispetto al valore del 2015. L’utile medio per regione vede la Lombardia segnare il valore più alto con 3.104.000 euro mentre la regione Piemonte registra una perdita media pari a 1.166.000 euro. L’incidenza degli utili sui ricavi è del 2,0% nel 2016, di poco superiore rispetto all’1,3% del 2015. Nel 2016 aumentano le aziende che chiudono l’esercizio in utile, sono pari a 136, mentre sono 21 quelle che hanno chiuso in perdita. Nel 2015 avevamo 131 aziende in utile, 24 in perdita, ed 2 in pareggio

Gli indici di redditività

Aggregando i bilanci delle società che realizzano nel settore una quota superiore al 50% dei ricavi si ottiene il bilancio somma settoriale, dal quale vengono calcolati i valori medi di riferimento con cui confrontare le performance aziendali. In calo la redditività degli azionisti. Il ROE medio nel 2016 è stato del 2,3%, in flessione rispetto al valore del 2015 (3,0%). L’indice, che è dato dal rapporto tra Utile e Patrimonio netto, rappresenta la redditività per i soci. In lieve miglioramento il ROI. Il ROI evidenzia la capacità di generare reddito operativo, cioè il risultato ottenuto senza considerare gli oneri finanziari, il reddito della gestione straordinaria e le imposte, utilizzando al meglio, e in modo efficiente, gli investimenti. Il ROI medio è stato del 4,3% nel 2016, in lieve aumento rispetto al 4,0% del 2015. Migliorano leggermente i margini sulle vendite Il ROS è il margine operativo sulle vendite. La media del 2016 è stata del 1,1%. Questo significa che per ogni euro di ricavi, tolti tutti i costi operativi, quello che rimane sono 1,1 centesimi. Il valore è il più alto del triennio, infatti è stato dello 0,9% nel 2015, e negativo nel 2014. Segue lo stesso andamento l’EBITDA medio rispetto al fatturato, o margine operativo lordo, passato dal 3,3% del 2015 al 3,4% nel 2016.

Rischio finanziario stabile

Il rapporto di indebitamento, o leverage, rappresenta indirettamente la proporzione esistente tra risorse proprie e risorse di terzi utilizzate per finanziare gli impieghi ed è pari al rapporto fra totale capitale investito e il patrimonio netto, misurando il cosiddetto “effetto leva”. Nel 2016 il rapporto di indebitamento evidenzia un valore di 3,7 in tendenziale calo rispetto al 4,0 del 2015 e 4,1 del 2014, il che delinea una situazione in miglioramento, ma siamo ancora in un’area di squilibrio finanziario. L’incidenza media degli oneri finanziari sul fatturato è stata dello 0,2%, anch’essa in miglioramento rispetto allo 0,3% del 2015.