• eng
    Ten International
  • ita
    Ten italiano
  • logo bricoliamo
    Magazine DIY
    per la famiglia
  • logo saga
Ten: DIY and Garden

icona distribuzione Garden Center Ardenghi: “meglio l’approccio diretto con il cliente”


Garden Center Ardenghi
Garden Center Ardenghi

Il Ponte San Michele scavalca l’Adda a un’ottantina di metri di altezza, collegando la sponda lecchese a quella bergamasca. Da questa parte, proprio all’imbocco del ponte e quasi a picco sul fiume, sorge il Garden Center Ardenghi.

Una classica storia di famiglia cominciata negli anni Cinquanta con la floricoltura di Angelo Ardenghi e cresciuta, a partire dagli anni Novanta, con la terza generazione, ora alla guida: Marco e Betty hanno trasformato l’attività in un garden center che oltre a una certa varietà merceologica ha sviluppato numerosi servizi, facendo scelte precise per mantenere da una parte l’identità tradizionale, rispondendo però anche alle esigenze di un territorio e di un pubblico particolarmente vario.

“Siamo l’ultimo baluardo della provincia di Bergamo, ma i nostri clienti provengono anche da lecchese, dalla Brianza. Oltre a questo target – spiega Marco Ardenghi – che potremmo dire più “tradizionale”, interessato a prodotti per il giardino e l’orto, possiamo contare anche su una clientela giovane e sul turismo del fine settimana. Così abbiamo clienti persino in centro Milano”.

Il garden sorge a Calusco su una superficie di 10-12mila metri quadri, con un edificio di circa 1500 mq, costruito intorno agli anni Novanta, che propone accanto al fiore reciso anche oggettistica e attrezzature per il giardino. Completano l’attuale struttura 2000 mq di serre calde e un magazzino; in altre sedi il garden ha un secondo punto vendita, dedicato solo al reciso, e tre vivai. Al garden lavorano 13 persone, guidate appunto dai fratelli Ardenghi, Marco e Betty, ciascuno specializzato in un particolare settore.

“La nostra offerta merceologica è frutto della scelta di mantenere al centro fiori e piante, dunque non proponiamo macchinari e non abbiamo preso in considerazione il settore pet. Puntiamo invece molto sul servizio alla clientela, anche a livello di consulenza”, sottolinea Ardenghi.

Nell’edificio principale, accanto al fiore reciso trova spazio l’oggettistica e home decor, mentre all’esterno è proposto un importante assortimento di piante ornamentali e da orto, nelle serre calde sono coltivate a doppio ciclo Poinsettie e annuali.

“Negli anni ci siamo specializzati sia nell’ambito degli eventi, arrivando a contare, nei primi Duemila, anche duecento matrimoni all’anno, sia nei servizi per le attività commerciali. Infine siamo specializzati in progettazione, realizzazione e manutenzione di aree verdi sia per privati, sia soprattutto per il pubblico”, prosegue Marco Ardenghi.

“Con la quarta generazione, che comincia ad affacciarsi, ci piacerebbe implementare un’attività di corsi e la coltivazione in pieno campo con la proposta del “you-pick”, ultimamente di tendenza“. Attivo sui canali social e presente sul web con un proprio sito, dopo aver lavorato durante i lockdown con le consegne a domicilio, il garden non ha però proseguito sulla strada dell’e-commerce, preferendo valorizzare “l’approccio diretto con il cliente, che ama anche farsi consigliare e guidare”.

Domandiamo a Marco Ardenghi cosa pesi maggiormente sul futuro di un garden, in questo momento. “L’incertezza, la mancanza di serenità dei clienti, e ovviamente i rincari di energia e trasporti che per il riscaldamento delle serre e le consegne si fanno senza dubbio sentire. Per quanto riguarda la progettazione di aree verdi invece direi che manca materiale vivaistico, soprattutto alberature: il boom di richieste degli ultimi mesi, dopo la crisi edilizia del 2008 che aveva quasi interrotto la produzione, ha contribuito a un’impennata dei costi anche in questo ambito”.

Nella foto da sx: Ida, Marco, Betty e Fabio Ardenghi

Giornalista pubblicista, Letizia Rossi lavora da diversi anni nell’ambito della stampa specializzata e B2B, in particolare nel settore del verde, dopo una lunga esperienza nella cronaca locale. Come freelance segue progetti comunicazione online e social per aziende e associazioni. È laureata in Filologia Moderna e collabora tuttora anche in ambito accademico.



Giornalista pubblicista, Letizia Rossi lavora da diversi anni nell’ambito della stampa specializzata e B2B, in particolare nel settore del verde, dopo una lunga esperienza nella cronaca locale. Come freelance segue progetti comunicazione online e social per aziende e associazioni. È laureata in Filologia Moderna e collabora tuttora anche in ambito accademico.

© SAGA s.r.l.
Ogni diritto sui contenuti è riservato ai sensi della normativa vigente. I contenuti di www.diyandgarden.com non possono, neppure in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto della società SAGA srl.

In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato
sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email


Privacy policy