• eng
    Ten International
  • ita
    Ten italiano
  • logo bricoliamo
    Magazine DIY
    per la famiglia
  • logo saga
Ten: DIY and Garden

icona tendenze “Renovation Revival” per l’immobiliare, in Europa occidentale


Il progressivo crollo dell’accessibilità economica alle abitazioni in Europa Occidentale è stato un fenomeno costante proporzionato all’aumento dei prezzi registrati tra il 2013 e il 2018. E ora? Con il Covid-19, cosa succederà? Una fotografia Euromonitor sul “prima”.

I prezzi delle case hanno continuato a salire negli ultimi anni nelle principali economie dell’Europa occidentale, tra cui Germania, Francia e Regno Unito. Nel solo Regno Unito, i prezzi delle case sono aumentati del 29% nel periodo 2010-2018, mentre la Germania ha osservato un aumento del 56% nello stesso periodo.

In Germania, i bassi tassi d’interesse, uniti al fallimento dell’attività edilizia per tenere il passo con la crescita demografica nelle grandi città, hanno spinto al rialzo i prezzi delle case e degli affitti negli ultimi anni. In generale, l’accessibilità economica delle abitazioni è diventata un’area chiave di preoccupazione per i consumatori. Anche la tendenza a ridurre l’attività di costruzione, nel prossimo futuro, potrebbe potenzialmente continuare a gonfiare i prezzi delle case in Europa, dato che l’immigrazione e la crescita della popolazione urbana continuano ad alimentare la domanda di alloggi nelle principali aree metropolitane e suburbane.

In Germania, il governo ha promesso di costruire 1,5 milioni e mezzo di nuovi appartamenti entro il 2021, investendo nell’edilizia sociale e introducendo una legislazione per contenere gli aumenti degli affitti, in modo da rendere gli alloggi a prezzi accessibili una realtà per un maggior numero di tedeschi.

Le abitazioni di età avanzata dominano in Europa occidentale

Un altro fattore a sostegno della domanda di ristrutturazione è l’età relativamente avanzata del parco immobiliare in Europa occidentale. Il 60-70% del parco immobiliare in Francia, Germania, Italia e Regno Unito aveva almeno 40 anni (cioè è stato costruito prima del 1979) nel 2018, rispetto a quasi la metà del parco immobiliare in Russia e Polonia. L’asimmetria verso le abitazioni costruite prima del 1979 significa che una percentuale molto piccola di immobili residenziali in Europa occidentale proviene da nuove costruzioni di case. Meno del 7% delle abitazioni in Europa occidentale è stato costruito non più di otto anni fa, contro il 18% dell’Asia-Pacifico.

Le case continuano ad essere più popolari degli appartamenti in Europa occidentale e, contrariamente a quanto si crede, le dimensioni delle abitazioni nel complesso sono in aumento, cioè la percentuale di famiglie che vivono in abitazioni di dimensioni superiori ai 70 metri quadrati continua ad aumentare. Ciononostante, l’abitare in spazi ridotti è un tema chiave nella costruzione di nuove case, a causa della riduzione delle dimensioni medie delle famiglie e dell’aumento delle famiglie monoparentali in Europa.

Bagno e sanitari per beneficiare della domanda di ristrutturazione

Sia la debole attività di costruzione prevista, l’invecchiamento delle abitazioni e il conseguente potenziale di un aumento dei prezzi delle case, può essere una buona notizia per l’industria del fai da te, creando una domanda di ristrutturazione per le famiglie che vogliono ristrutturare le loro case e prepararle per la vendita.

Un aumento dell’attività di ristrutturazione aumenterà la domanda di prodotti per il miglioramento della casa in Europa occidentale. Si prevede che i prodotti per il bagno e i sanitari cresceranno più velocemente con un CAGR a valore corrente del 3,2% nel periodo 2018-2023, con vendite a valore per la categoria in crescita di 1,4 miliardi di USD, più del doppio della crescita registrata nel periodo 2013-2018 in Europa occidentale. Anche un continuo crollo dei prezzi delle case può convincere i proprietari a restare a casa e a ristrutturare, piuttosto che vendere, comprare e trasferirsi in una nuova casa. Allo stesso tempo, gli acquirenti della prima casa potrebbero essere interessati a ristrutturare le vecchie abitazioni.

In conclusione

Il calo dei tassi d’interesse, il livellamento dei prezzi delle case e la debole attività di costruzione prevista, sono suscettibili di stimolare l’attività di ristrutturazione nel periodo 2018-2023, il che rappresenta una buona notizia per l’industria del fai da te dell’Europa occidentale.

L’attività di ristrutturazione creerà una domanda di prodotti per il miglioramento della casa, come bagni e sanitari, rivestimenti per pavimenti, vernici decorative e rivestimenti murali. Allo stesso tempo, i consumatori cercheranno anche l’arredamento per la casa.

I millenials urbani si sentono più a loro agio a condurre ricerche online, quindi i marchi digitali diretti ai consumatori hanno maggiori probabilità di risuonare; tuttavia, anche i negozi del centro città cattureranno l’interesse di questo segmento di consumatori.

D’altra parte, i rivenditori e i fornitori di articoli per il fai da te non dovrebbero dimenticare l’importanza delle interazioni basate sul negozio. La generazione X e i Baby Boomers che vivono in aree suburbane potrebbero essere più propensi a visitare i negozi fisici, rendendo le strategie omnicanale un must.



© SAGA s.r.l.
Ogni diritto sui contenuti è riservato ai sensi della normativa vigente. I contenuti di www.diyandgarden.com non possono, neppure in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto della società SAGA srl.

In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato
sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email


Privacy policy