• eng
    Ten International
  • ita
    Ten italiano
  • logo bricoliamo
    Magazine DIY
    per la famiglia
  • logo saga
Ten: DIY and Garden

icona tendenze L’albero di Natale a noleggio


albero di Natale
albero di Natale

E’ l’obiettivo della prima esperienza pilota promossa da Coldiretti e Campagna Amica in Toscana, in provincia di Pistoia è quello di andare incontro alle difficoltà di gestione di un abete vero, offrendo la possibilità di riportare l’esemplare acquistato al vivaio che lo terrà in custodia fino al prossimo Natale.

Gli alberi, una volta spogliati degli addobbi, potranno essere riconsegnati al vivaio – spiega Coldiretti – ottenendo indietro la metà del prezzo pagato.

Quindi la pianta sarà tenuta in custodia e curata fino al prossimo Natale – evidenzia Coldiretti – grazie all’impiego di speciali vasi che tramite dei fori permettono alle radici di crescere una volta ripiantati. Quando l’abete sarà troppo grande per essere ospitato in casa sarà restituito al bosco, il suo habitat naturale.

L’iniziativa – spiega Coldiretti – parte dalla Toscana, culla italiana degli alberi di Natale con milioni di esemplari coltivati principalmente tra il Casentino la montagna pistoiese. L’albero naturale – sottolinea Coldiretti – concilia il rispetto della tradizione con quello dell’ambiente a differenza delle piante di bassa qualità importate dall’estero che raggiungono l’Italia dopo un lungo trasporto con mezzi inquinanti e degli abeti di plastica che inquinano dieci volte di più.

Grazie agli alberi di Natale veri – continua Coldiretti – è possibile mantenere la coltivazione in molte aree di montagna con il terreno lavorato, morbido e capace di assorbire la pioggia in profondità prima di respingerla verso valle evitando i pericoli delle frane, mentre la pulizia dai rovi e dalle sterpaglie diminuisce il pericolo d’incendi. Una soluzione ecologica, green, non solo perché non inquina ma perché – sottolinea Coldiretti – produce ossigeno e “assorbe” l’anidride carbonica dall’atmosfera.

Sostenere le produzioni italiane – conclude la Coldiretti – vuol dire aiutare il comparto florovivaistico strategico per il Paese che vale 2,5 miliardi di euro e garantisce 200mila posti di lavoro con 30mila ettari di territorio coltivati da 21.500 imprese coinvolte fra produzione di piante e fiori in vaso (14mila) e quelle di piantine da trapianto (7.500).



© SAGA s.r.l.
Ogni diritto sui contenuti è riservato ai sensi della normativa vigente. I contenuti di www.diyandgarden.com non possono, neppure in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto della società SAGA srl.

In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato
sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email


Privacy policy