• eng
    Ten International
  • ita
    Ten italiano
  • logo bricoliamo
    Magazine DIY
    per la famiglia
  • logo saga

In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email

La newsletter di Ten

Privacy Policy

Ten: DIY and Garden

icona produzione Plastic Tax, il ministro Costa disposto a parlarne


Fa molto discutere la cosiddetta Plastic Tax, ovvero tassa sugli imballaggi di plastica inserita nel documento programmatico di bilancio 2020 e che è stata anche oggetto di un botta e risposta tra il ministro dell’Ambiente Sergio Costa e Marco Ravazzolo, responsabile ambiente dell’area Politiche industriali di Confindustria, in occasione della prima giornata del Forum Compraverde Buygreen Stati Generali degli Acquisti Verdi (17-18 ottobre a Roma).

Già in una nota del 16 ottobre, la Confederazione generale dell’industria italiana, aveva espresso la sua contrarietà relativamente ad una misura che “non ha finalità ambientali, penalizza i prodotti e non i comportamenti, e rappresenta unicamente un’imposizione diretta a recuperare risorse ponendo ingenti costi a carico di consumatori, lavoratori e imprese”.

Di fatto la Plastic Tax prevede un balzello di 1 euro per ogni chilo di plastica, un’operazione che il governo stima in un gettito complessivo di 2 miliardi di euro ma che, secondo appunto Ravazzolo, di fatto è un “aumento mascherato dell’Iva” visto che, alla fine, la tassa si ripercuoterà sul prezzo dei prodotti in vendita. Ravazzolo, peraltro, ha ribadito che le imprese che producono e utilizzano plastica già pagano il Contributo ambientale Conai proprio a supporto dei Comuni per la raccolta differenziata.

Dello stesso avviso anche Daniela Ramello, Presidente di Unionchimica API Torino e Vicepresidente di Unionchimica CONFAPI, nonchè titolare di Trafil, che ha ribadito quanto la plastic tax sia un “siluro per le PMI del settore che a Torino e in Piemonte rappresentano migliaia di posti di lavoro e un giro d’affari secondi solo a quelli della metalmeccanica. Non è certo con un’ulteriore tassa che si tutela l’ambiente e tanto meno si crea sviluppo. Non è ammissibile che la plastica sia demonizzata insieme a chi la produce”. Così , commenta l’approvazione da parte del Governo nell’ambito della Manovra 2020 di una “plastic tax” pari ad 1 euro al chilo sugli imballaggi di plastica, dal  primo giugno 2020”.

“In tema di ambiente – prosegue Ramello – dobbiamo fare molta attenzione. Si sta strumentalizzando il tema della protezione ambientale e della transizione ecologica del Paese verso abitudini eco-sostenibili dei cittadini, a scapito della lucidità degli interventi e delle politiche adottate. La riconversione del nostro tessuto produttivo deve sfruttare la sostenibilità ambientale e l’economia circolare per creare nuovi posti di lavoro, e  non essere mortificata da misure come la plastic tax che mettono in ginocchio le imprese che per questo rischiano di perdere migliaia di posti di lavoro”.

La Presidente di Uniochimica API Torino aggiunge anche: “Ci pare che il Governo sul cosiddetto Green New Deal  non abbia una chiara visione politica di investimenti, soprattutto per il comparto della plastica che da tempo sta invece investendo nella ricerca anche nell’ottica dell’economia circolare per aumentare le frazioni di materie riciclate e riciclabili rispetto alle materie vergini”. Ma c’è anche un problema finanziario. “Non si capisce come e perché – dice infatti Ramello -, le imprese debbano pagare una nuova tassa sulla responsabilità estesa del produttore quando da più di 20 anni stanno pagando un sistema Consortile ‘obbligatorio’ che fa capo a CONAI/COREPLA e che comporta un costo, differenziato per tipologie di materiali ed imballaggi, dai 150 ai 500 euro a tonnellata. Non ha senso pagare una ulteriore tassa con analoga finalità che, per le poche informazioni che accompagnano la novità normativa, dovrebbe disincentivare l’utilizzo della plastica e favorirne la raccolta e riciclo dei prodotti”.

“Più in generale – speiga ancora Ramello -, è necessario fare informazione corretta, formare le persone e creare una cultura della produzione della plastica. Non tutti sanno per esempio che la produzione di imballaggi in carta risulta altrettanto impattante per l’ambiente se non addirittura con risultati peggiori. Mentre la scarsa conoscenza comune dei contenuti della recente direttiva sulla plastica monouso ha provocato una non corretta equiparazione tra plastica monouso e imballaggi in plastica in genere. Diverse ricerche hanno poi dimostrato che la sostituzione di plastica tradizione con plastica alternativa o addirittura altri materiali in determinati settori produttivi si scontri con limiti normativi, tecnologici e prestazionali (settore medicale, settore alimentare, ecc.). L’inquinamento dei mari, problema e catastrofe ambientale innegabile è legata a diverse tipologie di prodotti e non esclusivamente agli imballaggi plastici. E’ doveroso quindi – conclude Ramello -, che il Governo condivida con imprese e lavoratori del nostro comparto l’impatto delle proprie azioni per evitare un altro tracollo economico e sociale”.

Sulla base delle proteste, il ministro Costa, proprio ieri al Forum ByGreen, si è detto disponibile ad aprire un tavolo di confronto con le parti interessate, per una rimodulazione della tassa.

 

Giulia Arrigoni

Giornalista specializzata sul mercato bricolage e le tendenze del settore fai-da-te e decorazione della casa. Ha collaborato con le più importanti riviste specializzate.

© SAGA s.r.l.
Ogni diritto sui contenuti è riservato ai sensi della normativa vigente. I contenuti di www.diyandgarden.com non possono, neppure in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto della società SAGA srl.