In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email

La newsletter di TEN: DIYandGarden

icona tendenze Italiaonline debutta nel comparto dell’home service


di Barbara Tomasi

 

Avvenuta il 19 settembre in una location non casuale – la White House 52 di corso Magenta a Milano, che ripropone un appartamento vero e proprio con tanto di giardino privato e piscina – la presentazione di PagineGialle Casa, primo portale verticale targato Italiaonline, dedicato all’home restyling e online nel giorno della sua presentazione.

Durante l’incontro Ivan Ranza, chief commercial officer della business uniti SME & Media Agency di Italiaonline, ha dichiarato che “Quello dell’home service è un settore già molto sviluppato negli Stati Uniti, ma che sta crescendo significativamente anche in Europa. Si prevede una crescita del 50% ogni singolo anno e per i prossimi 3 anni. Secondo uno studio di Technavio, nel 2021 il valore di questo settore si aggirerà intorno ai 435 miliardi di dollari. Con questo primo – di una lunga serie – portale verticale vogliamo mettere in contatto l’offerta, rappresentata da oltre 60mila professionisti e aziende, con la domanda, formata da 4.3 milioni di utenti unici – dei quali 2.4 da mobile -, che navigano nelle properties di Italiaonline. PagineGialle Casa consente di chiedere e confrontare fino a 5 preventivi gratuitamente, mettendo a disposizione degli utenti il migliore e più numeroso bacino di artigiani e negozianti del Paese”.

Il nuovo portale avrà grandissima visibilità grazie alla sinergia con le directory PagineGialle.it, PagineBianche.it e Tuttocitta.it, i due principali portali italiani Libero.it e Virgilio.it e tutti i siti di Virgilio Local – uno per ogni comune italiano – per una total digital audience di milioni di visitatori unici al giorno e di 67 milioni di pagine viste quotidianamente.

Mario Perini, direttore marketing della business unit SME & Media Agency, ha ricordato che, sempre negli Usa, ci sono gli esempi di successo delle piattaforme Thumbtack, con un “patrimonio” di 200mila professionisti, e HomeAdvisor, presente anche in Europa, Italia compresa. “Nel nostro Paese il settore dell’home service è sempre più evoluto e in crescita. Per questo abbiamo puntato proprio su PagineGialle Casa, che permette non solo di richiedere e confrontare preventivi nel giro di un paio di giorni, ma anche di avere spunti e suggerimenti per trasformare o migliorare la propria abitazione. La piattaforma, che abbiamo deciso di ottimizzare per il mobile, senza prevedere nessuna app, ed è suddivisa in diverse categorie, vanta tra i plus per l’utente, i già citati database e gratuità dei preventivi, recapitati via mail o con una telefonata, la qualità dei servizi proposti, il magazine – rivista online, con contenuti editoriali sulle ultime tendenze in fatto di casa con circa 100 articoli nuovi al mese – e la capillarità, essendo i professionisti diffusi su tutto il territorio italiano”.

I clienti che fanno parte del database di PagineGialle Casa possono incrementare in modo considerevole le richieste da parte degli utenti e di conseguenza il fatturato, con il supporto costante della rete di vendita che, con oltre 800 agenti in tutto il territorio nazionale, svolge un ruolo fondamentale a fianco dei clienti di ogni singolo territorio.

Per essere presenti sulla piattaforma i professionisti avranno a disposizione dei pacchetti, acquistabili a circa 20 euro all’anno. “Solo nel mese di giugno sono stati generati 11 milioni di lead che, per Italiaonline, significa aver portato a ciascuna delle proprie Pmi una media di 50 nuovi clienti ciascuna” ha ricordato Perini.

Oltre alla comunicazione avvenuta attraverso la rete di vendita e adv su Adwords e Seo e sulle properties del gruppo, il portale sarà pubblicizzato anche con un’iniziativa ad hoc, che sarà svelata più avanti. Previsti diversi progetti mirati a PagineGialle Casa, ha anticipato Ranza sottolineando ancora la forte crescita del mercato italiano e il raggiungimento a breve del break even. Top secret invece per ciò che riguarda le attese di fatturato e il business plan.

Vi ricorda nulla il famoso “do it for me”?