In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email

La newsletter di TEN: DIYandGarden

icona tendenze #IOCONDIVIDO. Parla la sharing economy


Su oltre 2300 intervistati in Italia, il 62% ha partecipato almeno una volta a esperienze di condivisione, diventando soggetto della sharing economy. Tra chi ha dichiarato un’esperienza recente, il 70% si dice molto soddisfatto; percentuale che sale al 77% quando l’interazione è online.

La nuova catena digitale del valore si compone di ruoli interscambiabili. È l’esigenza del servizio al centro del mercato. Chi eroga diventa chi fruisce, dove l’ancora è la piattaforma tecnologica, capace di offrire soluzioni che consentono la negoziabilità di un bene non utilizzato; ciò che da una parte genera un’entrata, dall’altra permette un risparmio.

Questa la premessa per parlare di Sharing Economy & Social Business, un tema che verrà affrontato e approfondito il prossimo 15 marzo, presso l’Aula X-PERIENCE LAB dell’Università Bocconi dalle ore 14.00 alle ore 17.30.

A confronto diversi nuovi modelli di business che aggiungono valore sociale e profittabilità, oltre a benefici per i consumatori e alle sfide normative, con il Disegno di legge sulla sharing economy in via di definizione. Insieme DeRev, Gnammo, Airbnb, Uber, Collaboriamo.org (dove far l’altro si possono prendere a noleggio od offrire utensili elettrici o manuali e altre attrezzature per il bricolage), Netcomm con Altroconsumo, con la ricerca e sperimentazione accademica di Università Bocconi e Università Cattolica, con gli esponenti dell’Intergruppo parlamentare per l’Innovazione tecnologica che lavorano sulla proposta di legge alla Camera dei deputati.

Questo il commento di Luisa Crisigiovanni, segretario generale Altroconsumo:

La scommessa della sharing economy è la promozione di una diversa ridistribuzione della ricchezza, un’innovazione sociale ed economica ancor prima che tecnologica. In questo contesto la tutela dei consumatori deve essere evolutiva ed aperta al cambiamento. Significa soprattutto trasparenza delle piattaforme e definizione delle responsabilità nelle relazioni tra consumatori ed imprese e tra consumatori e consumatori.

L’incontro in Università Bocconi è una delle tappe del percorso congiunto verso la costruzione concreta di una sharing economy sostenibile e rispettosa dei diritti dei consumatori, con un’apertura a tutte le piattaforme e ai player del mercato. Iniziato col Manifesto del luglio scorso, il percorso a settembre 2016 culminerà nel Festival Altroconsumo al Castello Sforzesco a Milano.