In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email

La newsletter di TEN: DIYandGarden

icona tendenze Aumenta la voglia di usato (per la gioia del reparto car care)


“Si tratta di un segnale importante. Alla luce dei dati relativi al giugno 2016 sono ormai 16 mesi consecutivi che il mercato dell’usato è in costante crescita, anzi i mesi sarebbero addirittura 22, dal luglio 2014, se non si considerasse l’unica eccezione del gennaio 2015”.

Lo spiega Carlo Salizzoni, founder e ceo di GoodBuyAuto, il primo mobilemarketplace di auto usate in Italia, precisando che “i primi mesi del 2016, gennaio-maggio, con 1.216.593 passaggi di proprietà (al netto delle minivolture) sono stati i migliori dal 2008”.

I dati comunicati dal Ministero dei Trasporti circa i passaggi di proprietà di auto usate registrate nel mese di giugno in Italia mostrano un ulteriore incremento del 3,58% rispetto a giugno 2015.

“In realtà le transazioni di usato potrebbero anche essere superiori” precisa Salizzoni, “ma gli stock degli operatori del settore stanno diminuendo e condizionano l’offerta. L’Osservatorio GoodBuyAuto registra, infatti, che i volumi di auto presenti sui principali siti di usato on line sono scesi sensibilmente ed inoltre, anche la permanenza media delle vetture nelle vetrine virtuali si è ridotta il che conferma una ripresa sostenuta delle transazioni.  Anche noi abbiamo aumentato di molto le vendite ma soprattutto le auto usate si vendono molto più velocemente e spesso non riusciamo a soddisfare tutte le richieste di acquisto che ci pervengono”.

“Sono circa 5 anni che la domanda dei veicoli usati vale circa 1,8 volte quella del nuovo; l’anno scorso, per esempio, a fronte di 1.575.000 immatricolazioni di nuovo, (fonte UNRAE) i passaggi di proprietà, al netto delle minivolture, sono stati 2.707.000,” precisa ancora Salizzoni, “ma i veicoli usati non si fabbricano; sono quelli fabbricati e venduti negli anni passati. Siccome dopo la crisi del 2008 le immatricolazioni di veicoli nuovi sono scese progressivamente ai minimi storici, non si è generato il parco usato sufficiente a soddisfare la domanda attuale, ora che le cose vanno decisamente meglio.
Basti pensare che negli anni 2012 e 2013 il mercato è stato poco al di sopra del milione e trecento mila unità (nel 2012 con 1.305.000 auto e nel 2013 con 1.360.000). Per trovare un numero così basso di immatricolazioni bisogna tornare indietro addirittura al 1978 quando lo shock petrolifero ridusse il mercato a quota 1.194.000 unità”.

GoodBuyAuto nasce dall’idea di proporre ai consumatori che intendono comprare o vendere una vettura di seconda mano, un’alternativa più efficiente rispetto alle modalità tradizionali. Si tratta di un marketplace che offre tutte le garanzie e i servizi degli autosaloni con le efficienze della digital economy, permettendo a chi vende di realizzare maggiori guadagni e a chi compra di risparmiare.