In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email

La newsletter di TEN: DIYandGarden

icona mondo Mr Bricolage, ridefinisce la strategia, chiude e taglia


In una nota diffusa il 16 novembre, Mr Bricolage SA, la terza insegna del bricolage in Francia, con 2,16 Md€ di volume d’affari nel 2015, ha dichiarato la chiusura 17 negozi e il taglio di quasi 240 posti di lavoro, nel prossimo 2017. Un vasta operazione di rilancio da parte dell’insegna francese, che rappresenta oltre 830 punti vendita nel mondo.

Quali i motivi? Intanto il mercato non è così brillante, poi si aggiunge la bassa redditività dei negozi diretti, con una perdita operativa strutturale del 50% delle perdite totali, nel 2015, per i negozi. Tant’è che oltre alla chiusura dei 17 – il totale dei diretti in Francia è di 87 – è prevista anche la cessione di una trentina di altri punti vendita, nei prossimi due anni; una cessione che vedrà favorito chi è già aderente all’insegna, con altri punti vendita, ma anche a nuovi investitori.

A questi se ne aggiungono altri 30 che saranno soggetti a investimenti per sostenere l’attività prima del loro (così recita la nota stampa) “smaltimento”. Dal prossimo anno MR Bricolage prevede d’investire ben 13 milioni di euro.

Infatti, nel medio termine la nuova strategia si focalizza su punti ben precisi. Tra questi il ritorno della centralità dell’affiliazione, la ridefinizione dell’offerta, l’accelerazione della trasformazione digitale e l’ottimizzazione dell’organizzazione, verso un unico sistema di gestione più efficiente.

Queste le principali decisioni messe al voto del consiglio di amministrazione da parte di Christophe Mistou, direttore generale arrivato lo scorso marzo, con l’appoggio del presidente Paul Cassignol. Inoltre, per sostenere al massimo l’attuazione del nuovo programma, limitandone i contraccolpi, i soci-imprenditori saranno ancora più coinvolti nel processo decisionale.

Per quanto riguarda i 238 posti di lavoro, rispetto agli oltre 25 mila totali del Gruppo e i 10 mila della rete commerciale, Il consiglio di amministrazione ha fatto sapere che MR Bricolage SA intende condurre un dialogo collaborativo con i rappresentanti dei lavoratori e si adopererà per fornire soluzioni che promuovono il riorientamento professionale dei lavoratori interessati in Mr. Bricolage o, ancora, realizzare un nuovo progetto professionale al di fuori del Gruppo.

Quanto costerà tutto ciò al Gruppo francese? I costi per “ le disposizioni, al netto delle imposte, relative alla ridefinizione dell’offerta commerciale e la ristrutturazione, includendo gli oneri eccezionali di personale e di perdita di valore degli avviamenti, nonchè delle scorte per preparare il trasferimento dei punti vendita e per ottimizzare il layout dei negozi per accogliere la nuova offerta di prodotti” sono stimati in circa 65 milioni di euro; costi che andranno ad impattare sul bilancio 2016.

Un ridimensionamento che dovrebbe ridare al Gruppo un più ampio margine di manovra per investire, sviluppare il proprio business e la redditività. Nella seconda metà 2017, queste risorse sono riassegnate come una priorità per lo sviluppo del business dei servizi nelle reti del Gruppo e per tornare ad una competitività sostenibile dei negozi integrati, in vista della loro vendita ai soci-imprenditori.

Nel 2015, al netto quota del reddito. Mr Bricolage SA ha registrato un calo del 31,5% dal 2014, a 9,6 milioni di euro per un giro d’affari di 529 milioni.