In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email

La newsletter di TEN: DIYandGarden

icona distribuzione OBi San Giuliano. Le interviste


Il gestore del punto vendita Carlo Giacoma Bottalat e Cesare Epinati, responsabile vendite ed espansione OBi Italia, hanno accompagnato la stampa, nel giro d’inaugurazione del nuovo punto vendita.

All’ingresso l’area utensileria spicca in modo molto evidente. Cosa c’è di nuovo?
Il punto vendita si apre con un’area di circa 300 mq dedicati all’utensileria, in particolare elettrica, con una zona estremamente ben segnalata al cliente. Dall’esposizione per brand ci siamo spostati verso una presentazione per utilizzo. Inoltre abbiamo pensato ad un’esposizione facilitata e chiara, che propone l’elettroutensile sul banco, e gli accessori in esposizione verticale, immediatamente disponibili. Una soluzione cross-selling che abbiamo sperimentato a Curno e che sta funzionando.

La comunicazione cromatica del punto vendita risulta essere più fresca e rinnovata.
Abbiamo fatto ordine, mantenendo la scelta cromatica per l’individuazione dei reparti. Abbiamo optato per l’inserimento di video Lcd, che alternano immagini d’impatto all’illustrazione di servizi per il negozio.

La corsia centrale non presenta massificazione. Come mai il cambiamento?
In corsia centrale, abbiamo abbassato la linea promozionale per consentire al cliente, fin dall’ingresso, di vedere, in un colpo d’occhio, le possibilità offerte dal negozio. Una scelta che corrisponde alle tendenze di acquisto e alla forma del punto vendita che si sviluppa maggiormente in profondità. Il cliente, nei primi 100 mt, ha la possibilità di avere una visione completa e scegliere con chiarezza dove andare.

Una scelta importante…
Sì, è l’esaltazione della visibilità. Del resto, oggi il cliente ha la necessità di fare un’esperienza di acquisto diversa, vuole vivere il negozio, scoprire le soluzioni presentate. La massificazione senza una progettualità e un contesto dove il prodotto è ben collocato, non porta più risultati così soddisfacenti.

70 mila referenze. Qualche cambiamento?
Oltre all’inserimento del nuovo reparto dedicato al Pet, abbiamo optato per una razionalizzazione delle fasce di prezzo; razionalizzazione che abbiamo deciso di esprimere anche nell’esposizione, per essere ancora più leggibili. Il continuativo dispone di etichette arancioni, i promozionali sono individuabili con etichette a sfondo giallo, mentre i prodotti entry level sono segnalati con sfondo rosso.

Parliamo del reparto Pet
E’ una merceologia che abbiamo testato, per alcuni mesi, in alcuni negozi già esistenti. Con Curno, e ora San Giuliano, debutta un vero e proprio reparto che abbiamo composto lavorando con la costruzione di un assortimento specialistico – circa 4.000 etichette – e sul bisogno. Anche il personale di vendita, è stato formato in modo da fornire un’adeguata consulenza, sulla corretta alimentazione dell’animale domestico.

Bacino d’utenza di riferimento?
Ci collochiamo nel quadrante sud est di Milano, alle porte della città, quindi, possiamo contare su una clientela cittadina, e il pet lo dimostra, ma anche su un’utenza più rurale, considerando l’area sud fino a Lodi o il pavese. Naturalmente le esigenze possono differire, soprattutto, con un diverso orientamento nei confronti della gestione del verde, anche in termini lavorativi.

L’Area stagionale è ampissima
Si, siamo sui 500 mq di spazio. In questo momento il focus è ovviamente sul Natale che necessita di dimensioni importanti, seguito dal comparto riscaldamento. Una zona che per le sue dimensioni dovremmo tenere molto viva. A gennaio, finite le feste, passeremo direttamente al giardino, con un’importante offerta di arredo esterno, barbecue e accessori per la vita all’aria aperta. Un’anticipazione di primavera per stimolare idee e vendite.