In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email

La newsletter di TEN: DIYandGarden

icona distribuzione Leroy Merlin, Green Day con sorpresa


Quest’anno non una, bensì due le giornate che hanno contraddistinto la convention Leroy Merlin Italia. La prima dedicata alla presentazione della “Strategia Leroy Merlin Italia 2018”, aperta solo agli interni, mentre la seconda ha ritrovato l’ormai Consueto Green Day. Un’unione con un significato importante, fare dell’azione di CSR non un “extra” ma un tutt’uno con le altre attività dell’azienda.

Suggestiva la trasformazione della location. L’ormai storico teatro Manzoni, nell’omonima via di Milano, trasformato in un giardino a cielo aperto con strade, prati, alberi e panchine che hanno ospitato, non solo gli interni all’azienda ma, anche, i protagonisti dei diversi blocchi che hanno animato il Green Day e che altro non sono che le numerose e diverse attività che Leroy Merlin ormai svolge, da anni, con la comunità. Padrone di casa, Luca Pereno, ormai indiscusso volto ufficiale delle attività di CSR e coordinatore dello sviluppo sostenibile di Leroy Merlin.

Una passerella che ha visto iniziative ormai consolidate e nuove; nuova come quella dell’Orto Fai Da Noi, realizzato di fianco al negozio Giulio Cesare di Torino e consolidate come il “Progetto del Cuore” che, quest’anno, ha visto vincitore il negozio di Roma Romanina con “Decorare per ricominciare”. Ma, ancora, gli Empori Fai da Noi, con la recente apertura a Milano, l’Agorà dell’Abitare, I cantieri fai da Noi, il Bricolage Civico.

A chiudere la presentazione delle attività 2016/2017, la sorpresa: l’annuncio della neonata Associazione Bricolage del Cuore, l’iniziativa che ha l’obiettivo di realizzare nuovi progetti inerenti il tema della lotta alla povertà abitativa e alla quale tutti coloro che hanno voglia di fare, possono aderire. Una data di nascita, il 4 ottobre, per nulla casuale dato che è la giornata dedicata a Francesco d’Assisi, personaggio le cui scelte di vita sono i tre pilastri dell’Associazione: la scelta della semplicità, la scelta della periferia, la scelta del lavoro manuale.

La parola è poi passata a Olivier Jonvel, ad di Leroy Merlin Italia che ha chiuso i lavori con una breve sintesi del 2016 (Wow!!!) e, soprattutto, le anticipazioni per il prossimo triennio, a partire dal 2018 che sarà un anno denso di azioni. Tra queste, la forte accelerazione dello sviluppo, tra cui il remodelling di ben 10 punti vendita, l’assunzione di 360 persone, l’aspetto tecnologico legato ai pagamenti. Il tutto finalizzato al raggiungimento di 3 importanti obiettivi: aumentare la quota di mercato in Italia, migliorare il potere d’acquisto e avere un marchio flessibile e adattabile alle diverse situazioni presenti sul territorio (non a caso l’esempio fatto è quello di Carrefour, nelle sue differenti declinazioni di iper, market e express).

Condizioni fondamentali per competere con i grandi player del calibro di Amazon, che potranno essere affrontati solo, ma non solo, con tre prerequisiti di base: una gamma di prodotti ottimizzata, una supply chain più integrata e, fondamentale, un IT che sia comune per tutti.