In 10 minuti vogliamo tenerti aggiornato sulle novità del DIY and Garden. Lascia la tua email

La newsletter di TEN: DIYandGarden

Vedi i termini

Ten: DIY and Garden

icona distribuzione Evoluzione Brico e Gruppo Mec: quando edilizia e brico convergono


Benedetto Paolino l’aveva preannunciato a Siferr 2018 “Ci saranno novità” e così è stato. E’ di questi giorni l’accordo tra il Consorzio Evoluzione Brico e 3MB srl, la società commerciale 100% partecipata di Mec – Magazzini Edili Consorziati, realtà consortile nata nel 1994 e che attualmente conta 38 consociati per 45 punti vendita Mecstore, tra Veneto e Friuli Venezia Giulia, oltre ad una piattaforma di distribuzione a San Vito Tagliamento, in provincia di Pordenone.

Una collaborazione che va a confermare quanto abbiamo più volte scritto circa la progressiva convergenza di assortimenti e interessi tra comparto bricolage e settore edile, che sempre più hanno, come comune denominatore, il cliente privato.

Già nel 2016, il presidente di Mec, Enrico Dazzi, alla rivista YouTrade aveva dichiarato la recente decisione di aggiungere all’assortimento anche il settore del fai da te “…una scelta dettata dal mercato, dalle ultime tendenze dell’edilizia” e ancora “…siamo fiduciosi che il comparto possa rispondere in maniera adeguata alle esigenze della clientela”.

Una risposta che deve essersi concretizzata, se il passo successivo è stato l’ingresso, con 3MB, in Evoluzione Brico. L’accordo, appena firmato, prevede l’adesione volontaria da parte dei consociati Mec e, secondo quanto dichiarato da Benedetto Paolino “è possibile prevedere, a medio termine, l’ingresso di 10/15 punti vendita al progetto Evoluzione Brico”.

Progetto che prevede la ridefinizione parziale degli spazi “stiamo lavorando su piante e corner e, comunque su aree mediamente dimensionate sui 500 mq” spiega Paolino. Anche per quanto riguarda gli assortimenti, sia Evoluzione Brico sia Mec andranno ad arricchire le proprie gamme aggiungendo i rispettivi “cataloghi”. ” A parte una decina di fornitori comuni – continua Benedetto Paolino – gli altri sono nuovi per entrambe le realtà e nessuno vieta di prevedere possibili accordi. Abbiamo appena iniziato e vedremo, via via, come ottimizzare le rispettive risorse”.